Gordon Ramsay: ‘La cocaina è onnipresente nei ristoranti: la usano anche i clienti’

Lo chef britannico, noto per Cucine da incubo, ha girato per ITV il documentario Cocaine, rivelando che se i cuochi usano la cocaina per reggere lo stress, anche i clienti fanno uso di droga: ‘Una sera – ricorda Gordon Ramsay - mi chiesero di spargere cocaina su un sofflé, un’altra volta un cliente si portò un piatto in bagno per sniffare’

da , il

    Gordon Ramsay: ‘La cocaina è onnipresente nei ristoranti: la usano anche i clienti’

    L’uso di droga nei ristoranti è molto diffuso, parola di Gordon Ramsay, secondo cui una volta un cliente gli chiese di ‘spargere cocaina su un soufflé mescolandola allo zucchero a velo’. Non proprio la ricetta che tutti vorrebbero, ma anche i cuochi non disegnano un ‘tiro’, per reggere lo stress di un lavoro impossibile. La tematica tocca direttamente Ramsay, che ha girato per ITV il documentario Cocaine e che nel 2003 vide morire, per un’overdose di cocaina, il cuoco David Dempsey, suo migliore amico, mentre il fratello dello chef, Ronnie, è un eroinomane.

    Quello della droga è il piccolo sporco segreto del nostro mestiere’: parola di Gordon Ramsay, chef britannico noto ai più per essere conduttore di Cucine da incubo.

    Il soufflé alla cocaina chiesto a Ramsay

    Che nei ristoranti di un certo livello giri droga non è mai stato un segreto: la cocaina scorre a fiumi nelle autobiografie di chef come Anthony Bourdain, che ne ha parlato nel suo libro Kitchen confidential, ed è usata come stimolante per affrontare un mestiere difficile.

    Ma anche i clienti non disdegnano la coca: secondo quanto dichiarato da Ramsay in un’intervista a Radio Times, successivamente rilanciata dal Guardian, l’uso di droga è diffuso, tanto che un cliente, durante una cena di beneficenza, gli chiese di spargere della cocaina su un soufflé.

    Stando a quanto raccontato da Ramsay, all’epoca caramellò lo zucchero sul soufflé così che i clienti non potessero capire che non aveva aggiunto la droga, e poi se ne andò dalla porta di servizio sul retro, senza neppure salutare.

    Leggi: Gordon Ramsay severo anche con i figli: niente eredità e il bus se lo pagano da soli

    Cocaine: ITV commissiona a Ramsay un documentario sulla cocaina

    Sempre secondo lo chef britannico un’altra volta uno dei suoi commensali si portò un piatto nei bagni per poterlo usare come piano da cui sniffare cocaina.

    Anche per questo, nei suoi ristoranti sparsi in tutto il mondo, Ramsay mette in atto controlli minuziosi nelle toilette per verificare l’eventuale presenza di droga nascosta: in 30 su 31 ristoranti sono state trovate tracce di stupefacente.

    Lo chef ha anche messo la faccia in Cocaine, documentario ITV sulla droga nei ristoranti: secondo Ramsay, ‘in molti pensano che la cocaina sia glamour, non lo è: rovina le vite della gente e del lato oscuro della droga si parla poco’.