Pippo Baudo: ‘Claudio Baglioni a Sanremo 2018 è la scelta giusta’

Sulla coraggiosa scelta della Rai arriva pure la benedizione del padre nobile Pippo Baudo: 'Claudio Baglioni a Sanremo 2018 è la scelta giusta, anche Gianni Morandi era 'solo' un cantante ma ha fatto due ottimi Festival. E poi il primo a portare Baglioni all'Ariston sono stato proprio io'

da , il

    Pippo Baudo: ‘Claudio Baglioni a Sanremo 2018 è la scelta giusta’

    Attendavamo con una certa curiosità l’opinione di Pippo Baudo su Claudio Baglioni direttore artistico e ‘capitano’ di Sanremo 2018, visto che l’anziano conduttore può giustamente ritenersi una sorta di ‘padre nobile’ del Festival della canzone italiana, avendolo presentato per ben 13 volte (record storico). E a poche ore dall’annuncio ufficiale di Claudio Baglioni a Sanremo 2018 è arrivato puntualissimo il parere del Pippo nazionale, che ha ‘benedetto’ la scelta della Rai ricordando tra l’altro che la prima volta del cantautore romano all’Ariston avvenne proprio grazie a lui.

    ‘Non capisco i rilievi sul Baglioni cantante alla guida del Festival di Sanremo’, ha detto Pippo Baudo al quotidiano La Verità, in riferimento alla scarsa esperienza televisiva di Claudio Baglioni che ha destato più di un dubbio tra gli addetti ai lavori, ‘Gianni Morandi l’ha condotto, e pure bene, o no? Fatemi aggiungere che Claudio Baglioni a Sanremo non è una novità perché Questo Piccolo Grande Amore era stata eletta canzone del secolo in un mio programma, io gliela feci eseguire dal vivo a Sanremo nel 1985′.

    Verissimo: prima di allora Baglioni non si era mai neanche avvicinato al Festival della canzone italiana, e anche successivamente sarebbero dovuti trascorrere altri 29 anni prima di rivederlo sul palco dell’Ariston nelle vesti di ospite d’onore dell’edizione 2014 condotta dall’amico Fabio Fazio. Quindi il rapporto tra Baglioni e il Festival non è mai stato particolarmente idilliaco, e anche per questo la curiosità è tanta per vedere come imposterà il suo Sanremo.

    In ogni caso non c’erano dubbi che Baudo avrebbe approvato la scelta di puntare sul cantante di Strada Facendo per la prossima kermesse sanremese: il rapporto tra Pippo Baudo e Claudio Baglioni ha infatti radici lontanissime, visto che fu proprio l’anchorman catanese a presentare nel ’68 l’allora giovanissimo (17 anni) e semisconosciuto Baglioni sul palco del concorso canoro Fuori La Voce. I due si sarebbero poi incrociati tante altre volte in varie trasmissioni televisive, da Domenica In a Fantastico, cementando la stima reciproca.

    Intanto quest’anno Pippo Baudo è fuori dai palinsesti, ma la cosa non sembra pesargli più di tanto: ‘Sto benissimo: ceno con gli amici, vedo concerti, film, spettacoli teatrali e, quando capita, anche un po’ di TV. Domenica per esempio sono tornato a casa tardi e ho fatto zapping tra Gianni Morandi su Canale 5 e Fabio Fazio sulla Rai. Io in televisione ho fatto tutto e offrirmi qualcosa che non siano ospitate un po’ nostalgiche è difficile. Però andare in TV per farsi ricordare mi ha sempre immalinconito quando l’ho visto fare da altri, e quindi perché dovrei accettarlo io? Ma per discutere di nuovi progetti ci sono sempre’.