Kate Middleton in topless, Closer condannato per le foto senza bikini della Duchessa di Cambridge

Gli scatti furono pubblicati dal magazine francese, di proprietà di Mondadori, nel 2012: per quelle foto di Kate Middleton in topless, il tribunale di Nanterre ha condannato Closer a pagare 100.000 euro, mentre altri 90.000 saranno vesati dalla direttrice di redazione e dal direttore di pubblicazione

da , il

    Kate Middleton in topless, Closer condannato per le foto senza bikini della Duchessa di Cambridge

    Una violazione della privacy da 100.000 euro. Le foto di Kate Middleton in topless costano salate a Closer, settimanale francese di gossip edito da Mondadori, multato severamente da un giudice. Considerata la portata dello scoop – ripresa dai media di tutto il mondo – e il fatto che il risarcimento richiesto dai duchi di Cambridge era di un milione e mezzo di euro, va anche detto però che il gruppo italiano se l’è cavata con poco…

    L’estate del 2012 sarà ricordata, tra le altre cose, anche per le foto senza bikini di Kate Middleton, finite ovunque. Una violazione della privacy, per cui Mondadori, editrice di Closer, è stata costretta a pagare 100.000 euro ai quali vanno aggiunti altri 90.000 euro, 45mila euro a testa, che dovranno versare la direttrice della redazione e il direttore di pubblicazione.

    Kate Middleton senza veli in Francia

    Gli scatti risalgono al 2012, quando la Duchessa di Cambridge si trovava in vacanza nel Sud della Francia con il marito. Sei persone sono state processate, fotografi inclusi, accusati di aver scattato le foto in topless di Kate Middleton e di averle pubblicate.

    Leggi: Foto di Kate Middleton in topless, chiesto risarcimento di 1,5 milioni di euro alla rivista

    Le foto di Kate Middleton in topless bloccate poco dopo la pubblicazione

    Una prima sentenza, sempre del tribunale di Nanterre, era arrivata pochi giorni dopo la pubblicazione delle foto della duchessa di Cambridge senza bikini, quando Mondadori, editore del magazine Closer, era stata obbligata a non diffondere o cedere le foto di Kate Middleton a seno nudo. Non solo: tutte le copie degli scatti avrebbero dovuto essere consegnate ai reali inglesi.

    Allo stesso tempo, però, il tribunale francese aveva anche stabilito che il settimanale non sarebbe stato ritirato dalla vendita e non ne sarà vietata la pubblicazione, probabilmente una sentenza ‘costretta’ dal fatto che oramai le foto – a parte che nei tabloid inglesi, che anzi all’epoca criticarono duramente Silvio Berlusconi arrivando a parlare di ‘tradimento’ – fossero ovunque.

    LEGGI: Kate Middleton incinta: i Duchi di Cambridge avranno un terzo figlio

    Il risarcimento non solo morale dei duchi di Cambridge

    In arrivo dunque un risarcimento ‘morale’ per William e Kate, che hanno difeso la loro privacy forti del fatto che, per l’ordinamento francese, scattare fotografie a qualcuno senza il suo permesso è un reato punibile con multe fino a 45mila euro e un anno di prigione. Le pene sono state sempre simboliche, ma per i duchi di Cambridge, la vittoria non è solo morale…