Giovanni Veronesi al Giffoni 2017: ‘L’Italia non è un paese per giovani, abbiamo distrutto i sogni dei nostri figli’

Il tema del GFF 2017 è la magia e il regista racconta due sogni che gli piacerebbe si avverassero: lavorare di nuovo con Francesco Nuti e rivedere i suoi genitori. Ma, ai giovani giurati del Giffoni, Giovanni Veronesi ricorda l'importanza dell'orgoglio di essere italiani: 'Ai quattordicenni bisogna far capire che non sono degli sfigati costretti a emigrare'

da , il

    Giovanni Veronesi al Giffoni 2017: ‘L’Italia non è un paese per giovani, abbiamo distrutto i sogni dei nostri figli’

    Giovanni Veronesi al Giffoni Film Festival 2017 si meraviglia di essere in un paese per giovani, appunto la manifestazione creata da Claudio Gubitosi. L’italia, per il regista fratello dello scrittore Sandro Veronesi, non è un paese per giovani e gli adulti di oggi hanno distrutto i sogni dei loro figli. E se il tema del GFF 2017 è la magia, Veronesi svela due suoi sogni che la magia potrebbe aiutare: rivedere i suoi genitori, mancati dieci anni fa, e lavorare nuovamente con Francesco Nuti.

    Il Giffoni 2017 è a tema ‘magico’, e Giovanni Veronesi confessa una magia che vorrebbe vivere: ‘Mi basterebbero dieci minuti con i miei genitori: sono morti dieci anni fa, ma non sono riuscito a elaborare il lutto. Mi mancano tanto‘.

    Leggi: Giffoni Film Festival 2017, Kit Harington: ‘Se non avessi fatto l’attore sarei diventato giornalista’

    Giovanni Veronesi: ‘Abbiamo distrutto i sogni dei nostri figli’

    E proprio con il ricordo dei suoi genitori, comincia un j’accuse verso la sua generazione. Giovanni Veronesi sostiene che, lui e i suoi coetanei, hanno sbagliato, lamentandosi continuamente della società, della politica, delle condizioni di vita.

    Abbiamo insegnato ai nostri figli che il lavoro è solo stipendio, segando loro i sogni. Distruggere i loro sogni vuol dire distruggere la loro vita‘, sostiene il regista. Veronesi conduce un programma radiofonico sui giovani che vanno all’estero, ma spiega che ai quattordicenni bisogna far capire che non sono degli sfigati costretti a emigrare, ma che sono un popolo speciale, erede della tradizione di Dante e proprietario della bellezza di Venezia. ‘Se volete andare via dall’Italia fatelo pure, ma allontanatevi senza pensare che l’Italia sia un luogo orribile. Non è così, ci hanno convinto che fosse così‘, l’invito del regista.

    Leggi: Claudio Amendola al Giffoni 2017: ‘In carcere ho capito che la libertà è sacra’

    Giovanni Veronesi: ‘Il mio sogno? Lavorare con Francesco Nuti’

    E a proposito di sogni, Giovanni Veronesi confessa che vorrebbe tornare a lavorare con Francesco Nuti: i due hanno uno stretto rapporto di amicizia e insieme hanno collaborato a tanti successi, ma ora l’attore – parola di Veronesi – ‘sta vivendo una vita diversa dalla nostra

    Veronesi va sempre a trovare Nuti e spera in un miracolo, quando vede il suo sorriso, ironico e affettuoso come sempre; ha la sensazione che lo stia prendendo in giro e che presto torneranno a fare film insieme, come un tempo. ‘Sono anni che aspetto – conclude triste il regista – ma ancora non è accaduto‘.