Morto George Romero, uno dei padri del cinema horror

Addio a uno dei 'registi de paura' più famosi di tutti i tempi: è morto George Romero, maestro del cinema horror e indiscusso creatore del genere zombie movie con il film cult La Notte dei Morti Viventi, uscito nel 1968

da , il

    Morto George Romero, uno dei padri del cinema horror

    È morto George Romero, regista statunitense di origini cubane, noto per aver dato il via a uno dei filoni horror di maggior successo nella storia del cinema, quello legato ai ‘morti viventi’ o zombie. Romero si è spento nel sonno, all’età di 77 anni (era nato a New York il 4 febbraio 1940), dopo una breve ma aggressiva battaglia con un cancro ai polmoni, circondato dall’affetto della moglie Suzanne Desrocher Romero e della figlia Tina. ‘La notte dei morti viventi’ di George Romero, uscito al cinema nel 1968, è tuttora considerata la pellicola che ha codificato il genere zombie movie: da allora a oggi tutti si sono ispirati a quel film, compresi gli autori del fumetto e dell’omonima serie TV The Walking Dead (che però Romero non amava particolarmente, considerando interessante solo la prima stagione).

    George Romero iniziò giovanissimo a fare cinema (a soli 13 anni diresse il suo primo ‘corto’ in 8 mm, The Man from the Meteor) e verso la fine degli anni ’60, dopo aver messo da parte insieme ad alcuni amici un gruzzoletto di 10mila dollari, si lanciò nel progetto a bassissimo costo La Notte dei Morti Viventi (Night of the Living Dead), di cui curò non solo la regia ma anche soggetto, sceneggiatura, fotografia, montaggio e colonna sonora.

    Il film horror, che dietro la trama fantastica nascondeva una pesante critica verso la società americana, si rivelò un incredibile trionfo incassando circa 30 milioni di dollari, cifra notevolissima per l’epoca, diventando un cult amato da milioni di appassionati. Negli anni immediatamente successivi al suo capolavoro Romero girò altri film che ebbero meno successo (There’s Always Vanilla, La Città Verrà Distrutta all’Alba, La Stagione della Strega e Wampyr), prima di tornare nel ’78 ai suoi ‘amatissimi’ morti viventi con l’altrettanto epocale Zombi (titolo originale ‘Dawn of the dead’), secondo capitolo di quella che sarebbe poi diventata una tetralogia completata dai meno ispirati Il Giorno degli Zombi (1985) e La Terra dei Morti Viventi (2005). Con 55 milioni incassati a fronte di una spesa di soli 1,5 milioni, anche Zombi divenne un grandissimo successo commerciale.

    Altri film di George Romero al di là del genere ‘morti viventi’ furono Creepshaw, Monkey Shines – Esperimento nel Terrore, Due Occhi Diabolici, in collaborazione con il nostro Dario Argento di cui era grande amico, La Metà Oscura e Bruiser – La Vendetta Non Ha Volto. Chiuse poi la sua carriera con Le Cronache dei Morti Viventi e Survival of the Dead – L’Isola dei Sopravvissuti, quest’ultimo presentato in concorso alla Mostra del cinema di Venezia nel 2009.

    Dopo aver saputo che è morto George Romero, Asia Argento ha ricordato l’amico di suo papà Dario postando numerose foto sui social e salutandolo con la frase ‘Goodbye genius’.