Catena Fiorello contro la Rai: ‘Esclusa perché mio fratello ha difeso Giletti’

La scrittrice Catena Fiorello contro la Rai: la sorella di Rosario e Beppe ha lamentato la sua esclusione da un programma di viale Mazzini come ritorsione per le dichiarazioni di Rosario in difesa de L'Arena di Massimo Giletti, cancellata a sorpresa dai palinsesti Rai 2017-2018. Catena ha inoltre aggiunto di aver spesso subito la 'colpa' di essere la sorella dei due Fiorello.

da , il

    Catena Fiorello contro la Rai: ‘Esclusa perché mio fratello ha difeso Giletti’

    Dura accusa di Catena Fiorella contro la Rai. La scrittrice siciliana, sorella dei più famosi Rosario e Beppe, ha raccontato su Facebook una storia a suo dire molto amara, rivelando di esser stata inopinatamente esclusa da un programma della TV di Stato, in cui avrebbe dovuto partecipare come ospite, dopo che le agenzie di stampa hanno battuto le dichiarazioni di suo fratello Rosario Fiorello a difesa de L’Arena di Massimo Giletti, cancellata a sorpresa dai palinsesti Rai 2017-2018. ‘La mia presenza in trasmissione era confermata’, ha spiegato sibillinamente Catena, ‘Ma all’improvviso qualcuno, chissà chi, ha posto un veto…’.

    Catena Fiorello si riferisce in particolare alla presa di posizione di Rosario contro la chiusura de L’Arena di Giletti: ‘Come si può cancellare una trasmissione che faceva 4 milioni?’, aveva commentato il conduttore dell’Edicola, ‘Un programma che funzionava, con interviste importanti e che non guardava in faccia a nessuno? Ricordo che Giletti si è scontrato con Berlusconi così come con Renzi. Ecco, noi ce lo chiediamo. E facciamo anche un appello al direttore generale della Rai, Mario Orfeo’.

    Ebbene, secondo Catena Fiorello queste parole sarebbero il motivo della sua esclusione da una trasmissione Rai che era prevista lo scorso 29 giugno: ‘Strana coincidenza’, ha insinuato la scrittrice, ‘Il veto sulla mia ospitata è arrivato proprio dopo che mio fratello Rosario si è espresso sul caso Giletti. Strano davvero’. Insomma, dai piani alti di viale Mazzini sarebbe partita una sorta di ritorsione nei suoi confronti per farle ‘pagare il conto’ delle dichiarazioni di Saro.

    ‘Ci sono luoghi, come gli studi televisivi di varie reti, dove alcuni per avere un piccolo orticello di potere si sentono onnipotenti e decidono per simpatie personali e usano il loro piccolo potere per vendicarsi e umiliare le persone’, ha poi aggiunto Catena Fiorello, ‘L’omertà uccide il 90% degli ambienti televisivi. Loschi giri, tutti sappiamo e tutti le diciamo queste cose. Ma nessuno ha il coraggio di parlare perché ognuno ha qualcosa da nascondere’.

    Infine Catena Fiorello ha confessato di aver provato tante volte sulla sua pelle la ‘colpa’ di essere la sorella dei fratelli Fiorello, e che portare questo pesantissimo cognome le ha dato finora più svantaggi che vantaggi: ‘Ci sono tanti personaggi televisivi che, avendo sullo stomaco i miei fratelli per pura invidia nei loro confronti, hanno sempre fatto pagare a me le loro masturbazioni mentali. Per esempio un noto presentatore, che lavora soprattutto alla sera, ha detto a una mia collaboratrice che non mi avrebbe mai invitata nel suo studio perché detesta Rosario. È giusto dunque che si sappia, una volta per tutte, che del mio cognome io ho solo pagato conseguenze amare, e se tra voi c’è qualche malfidato che mi ha tacciata di favoritismi occulti sappia che è stato esattamente il contrario’.

    Quella di Catena Fiorello contro la Rai ha tutta l’aria di un attacco frontale senza esclusione di colpi, vedremo se ci sarà una reazione…