Miriam Leone: ‘Le sopracciglia il mio difetto, mi prendono in giro’

L’attrice di 1993 e di Non uccidere si confessa: nel futuro tante vacanze, in passato ha lasciato la Rai perché sentiva di non essere se stessa. La star aggiunge che non le verrebbe mai in mente di offendere qualcuno, ma guai a mancarle di rispetto: e sulle sopracciglia, Miriam Leone risponde: ‘I miei detrattori scrivono che sono come quelle di Elio’

da , il

    Miriam Leone è un’attrice amatissima, ma c’è un particolare – le sopracciglia – su cui si concentrano le prese in giro social (e non solo): a svelarlo la star di 1993 e Non Uccidere. ‘I miei detrattori si concentrano sulle sopracciglia. Scrivono che le mie sono come quelle di Elio, di Elio e le storie tese’, confessa la Leone, che – nel corso di un viaggio in treno da Milano a Firenze – si racconta tra l’impegno in serie diversissime e i progetti per il futuro.

    Offendere qualcuno ‘diverso’ vorrebbe dire non volere bene a me stessa. Se invece qualcuno mi manca di rispetto…’. Così Miriam Leone si racconta al Corriere della Sera, confessando anche episodi di ‘bullismo’ battuti con l’autoironia, perché – dice l’attrice – solo gli stupidi si arrabbiano quando vengono presi in giro.

    Leggi: Miriam Leone, da Miss Italia alla carriera di attrice: ‘Recitare è la mia vocazione’

    Miriam Leone: ‘In passato ero abbastanza isolata’

    A far discutere i detrattori di Miriam Leone le sue sopracciglia, paragonate a quelle di Elio di Elio e le storie tese. Oggi gira semi spogliata per 1993, ma in passato Miriam Leone, oltre alle sopracciglia, ha avuto problemi con il suo corpo: nulla di grave, per carità, ma l’attrice confessa che per anni si è sentita diversa e strana, in quanto era biondastra con gli occhi chiari nella Sicilia di Aci Catena, in pochi la riconoscevano e spesso le parlavano come se fosse straniera. ‘Ero abbastanza isolata – sostiene – sono stata parecchio dalla parte di chi sta in disparte‘. Anche per questo, non offende i diversi, anche se si scalda se le mancano di rispetto.

    Leggi: Chi è Miriam Leone, l’ispettore della serie tv Non Uccidere

    Miriamo Leone: ‘Conosco gli sguardi ostili e gli insulti gratuiti’

    Interpellata sul fuori-onda di Flavio Insinna, Miriam Leone spiega che mai le verrebbe in mente di offendere qualcuno per una debolezza o per la sua diversità, perché conosce gli sguardi ostili per strada e gli insulti gratuiti, grazie appunto al suo essere ‘diversa’ in Sicilia. Come detto, guai però a mancarle di rispetto: all’attrice capita di polemizzare con chi butta una cartaccia per terra, o con chi, vedendola in difficoltà mentre carica un bagaglio, resta fermo a godersi lo spettacolo.

    Leggi: Miriam Leone single da un anno: ‘La storia con Boosta è finita’

    Miriam Leone: un’estate di vacanza

    E se in passato ha fatto scelte difficili – dopo aver partecipato a un programma Rai ha capito che non diceva quello che pensava e che indossava una maschera adatta al contenitore creato per il pubblico generalista, mollando tutto per essere se stessa – per quanto riguarda il futuro, dopo aver vestito i panni di Veronica Castello in 1993 e dell’ispettrice Valeria Ferro per Non uccidere, ora è il momento del riposo (all’attrice manca il mare della Sicilia) e della ‘ricostruzione’. Per la cronaca, dopo la fine della storia con Davide ‘Boosta’ Dileo, tastierista e fondatore dei Subsonica, Miriam Leone è ancora single e ‘ritrovarsi single a trent’anni è diverso che a venti: a rinascere è una donna’.