Christian De Sica su Facebook: sfogo contro il mondo dello spettacolo

Improvviso sfogo di Christian De Sica su Facebook: il popolare attore romano ha puntato l'indice contro gli spettacoli teatrali e i film che usufruiscono di finanziamenti pubblici e che poi si rivelano di dubbio interesse

da , il

    Christian De Sica su Facebook: sfogo contro il mondo dello spettacolo

    Con chi ce l’aveva Christian De Sica su Facebook nel suo lungo post che somiglia tanto a uno sfogo contro il mondo dello spettacolo del quale egli stesso fa parte? Il bersaglio del popolare attore romano sembra essere il modo in cui vengono elargiti finanziamenti pubblici a spettacoli teatrali e a pellicole cinematografiche che a suo parere ‘non interessano al pubblico’. Non si sa bene quale sia stata la causa scatenante dello sfogo di Christian De Sica (forse la lista delle nomination dei Nastri d’argento 2017, dove ci sono film che hanno accumulato più premi che spettatori), ma le sue parole hanno sicuramente lasciato il segno.

    ‘Che sta succedendo?’, si chiede Christian De Sica su Facebook, ‘Milioni di euro dati a spettacoli che non interessano al pubblico, teatri che continuano a sfornare musical che chiudono dopo una settimana, teatri di prosa ridotti ad antri bui dove la gente si addormenta, premi e riconoscimenti a film impossibili che nessuno ha visto e mai vedrà’.

    LEGGI ANCHE: CHRISTIAN DE SICA STRONCA BALLANDO CON LE STELLE, ‘SHOW NOIOSO E CAFONE’

    Non è la prima volta che un attore o un qualsiasi altro uomo di spettacolo si scaglia contro la distribuzione, secondo molti per nulla equa, di fondi pubblici per la realizzazione di film od opere teatrali che spesso si rivelano di dubbio interesse. La questione è complessa e spinosa, anche se De Sica non entra nello specifico (almeno per il momento) preferendo limitarsi a considerazioni tutto sommato generiche ma comunque meritevoli di riflessione.

    LEGGI ANCHE: MASSIMO BOLDI CHIAMA CHRISTIAN DE SICA, ‘TORNIAMO A LAVORARE INSIEME’

    Christian De Sica però non vuole che si pensi che il suo sfogo sia stato dettato dall’invidia per non aver mai usufruito di corposi finanziamenti pubblici (‘I miei 107 film solo una volta hanno ricevuto un finanziamento’, specifica rispondendo al commento di un utente) o per non aver vinto questo o quell’altro premio cinematografico. E nel post lo specifica bene: ‘Adesso qualcuno dirà che sono polemico e invidioso perché faccio i cinepanettoni. Sì certo, ma la realtà purtroppo è questa. Comincio a dubitare del mio ambiente. Malafede o teste di c….?’

    Ai posteri l’ardua sentenza…

    Recentemente Christian De Sica è stato ospite dell’ultima puntata stagionale (o ultima in assoluto?) di Che Tempo Che Fa, il talk show di Fabio Fazio. L’attore, figlio del grande Vittorio De Sica (e cognato di Carlo Verdone: gli intrecci nel mondo del cinema sono davvero curiosi), ha da poco terminato il tour teatrale con lo spettacolo Il Principe Abusivo, una pièce realizzata su ispirazione dell’omonimo film con Alessandro Siani.