Flavio Insinna: il video della consegna del Tapiro d’oro censurato da Striscia la notizia

Il conduttore di Affari Tuoi condivide su Facebook un video con il servizio sulla mancata consegna del Tapiro d’oro avvenuta nel 2013 e mai mandato in onda: Flavio Insinna, all’epoca, disse che avrebbe accettato solo quando analogo premio fosse stato consegnato a Ezio Greggio per i suoi guai con Striscia

da , il

    Che Striscia la notizia avesse ‘censurato’ il tentativo di consegnare un tapiro a Flavio Insinna era cosa nota, ora il conduttore di Affari Tuoi rivela l’esistenza di un video che diffonde dalla sua pagina Facebook. Un video di tre minuti girato dall’alto e munito di sottotitoli, in cui si vede il tapiro, del 2013, che Staffelli avrebbe dovuto consegnare a Insinna: ma – come emerso nel 2015 – quel tapiro non era mai stato consegnato né il filmato diffuso, a detta del Gabibbo in una lettera perché le affermazioni del conduttore di Affari Tuoi erano da querela.

    Flavio Insinna svela su Facebook il video della consegna del tapiro d’oro fatta da Striscia la notizia nel 2013, tapiro che il conduttore di Affari Tuoi rifiutò con la motivazione che avrebbe ritirato il riconoscimento quando analogo premio sarebbe stato consegnato a Ezio Greggio per i suoi guai con il fisco. Un video inedito, visto che il tg satirico, all’epoca, evitò di diffondere il filmato.

    Leggi: Flavio Insinna, Affari Tuoi e Striscia: una vicenda dai lati oscuri

    Striscia vs Insinna: la polemica infinita

    Insinna Tapiro

    Continua, dunque, la querelle Striscia-Flavio Insinna: tutto nasce (per quanto riguarda l’ultimo episodio) per un fuori onda di Affari Tuoi in cui il conduttore definisce una concorrente una ‘nana di m*rda’ e maltratta il suo staff che non gli dà concorrenti all’altezza. Da questo si è passato a una disamina del ‘personaggio Insinna’, reo di aver fatto affermazioni contro le donne anche nella sua biografia. Dopo giorni di silenzio, il presentatore romano è passato al contrattacco, chiedendo scusa – anche con una diretta Facebook in cui ha dichiarato il suo amore per la Rai e chiesto scusa alla concorrente della Valle D’Aosta.

    Leggi: Fabrizio Del Noce: ‘Insinna ha un caratteraccio, ma in Rai ho visto di peggio’

    Insinna ‘attapirato’: il video inedito

    Tapiro d'oro a Insinna

    Ma molto più interessante è la decisione di rivelare il servizio di Striscia, risalente al 2013, con la tentata consegna del tapiro d’oro a Insinna dopo che un giudice aveva archiviato la querela presentata dai notai di Affari Tuoi contro Striscia la notizia, che accusava il gioco di Rai1 di brogli. ‘Mediaset in 4 anni ha sborsato 23 milioni di euro per il signor Ezio Greggio e ci fate la morale pure a noi?’, dice Insinna a Valerio Staffelli, che risponde che non si tratta di morale, ma di giustizia, e che eventualmente Greggio avrebbe chiarito la sua posizione con la finanza.

    Leggi: Flavio Insinna chiede scusa per i fuorionda e attacca Antonio Ricci

    Insinna aveva ribadito di non poter accettare il tapiro perché quella di Striscia era una vera e propria aggressione, e aveva aggiunto che qualora il riconoscimento fosse stato consegnato a Ezio Greggio per l’indagine della finanza, avrebbe preso anche lui il Tapiro d’oro. Il presentatore di Affari Tuoi aveva criticato anche Michelle Hunziker, che aveva fatto una battuta infelice su 10 anni di galera, cosa che non si augura a nessuno – sostiene Insinna – a meno che non sia un bandito o un pedofilo.

    Leggi: Striscia – Insinna: la concorrente offesa vuole denunciare il conduttore

    Staffelli ribadisce che Striscia non ce l’ha con Insinna in particolare, ma che ce l’ha con tutti. Tuttavia il conduttore si dice rattristato per una concorrenza così cattiva, concludendo ‘Ci fate la morale da tanti anni, ma per predicare bisogna essere sul pulpito della ragione’. Il servizio, come detto, non è mai andato in onda, e a un Insinna che (nel 2015) si chiedeva perché, rispondeva il Gabibbo via Corriere della Sera: secondo il pupazzo rosso, il presentatore di Affari Tuoi pronunciava frasi offensive che avrebbero potuto portare a una denuncia penale. ‘Come vede – concludeva la nota – le vogliamo bene’.