Camilla Parker Bowles: ‘Per la mia relazione con Carlo sono stata prigioniera in casa mia’

‘Non potevo uscire, ero prigioniera nella mia casa, è stato davvero orribile’. Così Camilla Parker Bowles ricorda la sua relazione con Carlo dopo la separazione del principe d’Inghilterra da Lady Diana. Una situazione superata grazie all’amore dei figli e che le ha insegnato a coltivare molti interessi oggi condivisi con il marito

da , il

    Camilla Parker Bowles: ‘Per la mia relazione con Carlo sono stata prigioniera in casa mia’

    Alla soglia dei 70 anni, Camilla Parker Bowles parla per la prima volta dei lati negativi della sua relazione con il principe Carlo, ex marito di Lady Diana. La duchessa di Cornovaglia rivela come la situazione fosse ‘orribile’, e di non poter andare da nessuna parte in quanto seguita costantemente dai paparazzi, anche sei per volta. Ad aiutarla, i figli avuti dall’ex marito – Laura e Tom, che l’hanno sostenuta – e l’amore per Carlo.

    Non potevo uscire, ero prigioniera nella mia casa, è stato davvero orribile: non lo augurerei nemmeno al mio peggior nemico. Sono sopravvissuta grazie alla mia famiglia, ai miei figli’. Così Camilla Parker Bowles a proposito della sua relazione con il principe Carlo, che venne svelata dalla stampa prima della separazione del futuro re d’Inghilterra da Lady Diana.

    Carlo e Camilla: storia d’amore durata 40 anni

    Secondo fonti reali, l’amore tra Carlo e Camilla è cominciato negli anni ’70: la coppia è stata brevemente insieme, per poi ricominciare negli anni ’80. Se Carlo e Diana si sono sposati nel 1981, il tradimento venne reso noto nel 1992, con il libro ‘Diana: Her True Story’ e confermato da Carlo nel 1994 (due anni dopo la separazione). Il principe, nella sua autobiografia, rivelò che lui e Camilla erano amanti dal 1986, dopo che il matrimonio con Diana (che nel frattempo aveva una relazione con James Hewitt) era irrimediabilmente compromesso.

    Successivamente le cose sembrarono andare un po’ meglio: nel 1996 Carlo e Diana si separarono, un anno dopo la fine del matrimonio tra Camilla e Andrew Parker Bowles. Carlo e Camilla cercarono allora di cambiare la vulgata corrente che li voleva come la parte malvagia, anche se la morte di Diana, nel 1997, rese le cose più complicate. Nel 2005, Carlo e Camilla hanno annunciato il loro fidanzamento e si sono sposati qualche mese dopo dopo.

    Camilla: ‘La mia vita con i paparazzi’

    Ora, in un’intervista a You magazine, inserto del Mail on Sunday, Camilla rivela che i paparazzi la seguivano ovunque, tanto che nel bagno di casa della mamma della duchessa di Cornovaglia c’era un cannocchiale per ‘spiare’ i paparazzi nascosti nei cespugli. ‘Al massimo dell’interesse dei paparazzi per me ce n’erano 5-6 nascosti nei cespugli, e ci sembrava normale’, racconta. A salvare l’odierna moglie del principe Carlo sono stati Tom e Laura, i suoi figli, che l’hanno sostenuta contro tutti e tutto.

    Dal suo periodo di ‘prigionia’, comunque, Camilla ha imparato molto, a dipingere e a leggere, passioni che condivide con il marito. Oggi, Camilla ammette che ancora non riesce a vedersi come Duchessa di Cornovaglia e parte della famiglia reale: ‘Devi ridere di te stessa, se non lo fai, tanto vale che molli. A volte mi chiedo, chi è questa donna, è impossibile che sia io. E solo così – conclude – è possible sopravvivere’.