Colin Firth chiede il passaporto italiano (non per colpa della Brexit)

L'attore inglese Colin Firth, sposato con Livia Giuggioli da vent'anni, ha richiesto la doppia cittadinanza italiana anche per agevolare i figli Luca e Matteo. E chi pensava fosse per via della Brexit, dovrà ricredersi: è solo praticità!

da , il

    Colin Firth chiede il passaporto italiano: non per colpa della Brexit come in molti hanno pensato, ma per praticità. L’attore inglese, sposato con Livia Giuggioli dal 1997 e padre di Luca e Matteo avuti proprio con la produttrice italiana, ha fatto richiesta per ottenere la doppia cittadinanza italiana e britannica. Per via dei media di Sua Maestà, in molti hanno creduto davvero che Colin Firth abbia scelto il doppio passaporto per colpa della recente Brexit, ma l’agente dell’attore ha smentito questa affermazione.

    Colin Firth ha richiesto il passaporto italiano per pure questioni di praticità: non c’entra niente la Brexit o l’impatto che la decisione del referendum inglese del 2016 ha avuto (e sta avendo) sulla vita dei cittadini della Regina Elisabetta. Stando a quanto dichiarato al Telegraph, uno dei principali quotidiani inglesi, Colin Firth avrebbe optato per la doppia cittadinanza per ragioni familiari.

    ‘Colin ha richiesto la doppia cittadinanza per avere gli stessi passaporti della moglie e dei figli’ ha dichiarato l’agente dell’attore britannico al giornale. Quindi niente protesta contro la Brexit, niente presa di posizione contro il governo, nulla di tutto ciò che i maligni e curiosi inglesi volessero insinuare commentando la decisione dell’attore.

    Colin Firth è sposato dal 1997 con Livia Giuggioli, produttrice romana: la coppia ha due figli, Luca e Matteo, rispettivamente di 16 e 13 anni, e trascorre spesso le vacanze a Città della Pieve dove hanno acquistato una casa. Colin Firth parla fluentemente l’italiano e ha girato alcuni film nel nostro paese. Vista la posizione burocratica della moglie e dei figli, tutti e tre con doppia cittadinanza, l’attore ha preso questa decisione per agevolare gli spostamenti di tutta la famiglia: e dato che gli è consentito, Colin Firth ha richiesto il doppio passaporto italiano e inglese in modo da non avere nessun tipo di problema negli spostamenti.

    Lo scorso anno, all’epoca dei risultati del referendum che ha sancito di fatto l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, Colin Firth si era espresso molto duramente contro la Brexit: come ha citato il Daily Mail, in un’intervista ad un giornale austriaco l’attore inglese aveva detto chiaramente che si trattava di ‘un disastro di proporzioni inaspettate. La Brexit non ha un solo aspetto positivo’ aveva detto Colin Firth intervistato a proposito, citando anche colleghe come Emma Thompson e definendosi europeo a tutti gli effetti.

    Con un doppio passaporto, Colin Firth non avrà problemi a recarsi in Inghilterra e a fare la spola con i set di tutto il mondo. E l’Italia acquista un cittadino modello, a tutti gli effetti un immigrato per amore della moglie Livia Giuggioli e dei figli avuti con lei.