1993, la serie tv su Sky dal 16 maggio 2017: cosa succede ai protagonisti

In prima visione su Sky il sequel di '1992': in '1993' tornano Leonardo Notte, Veronica Castello, Luca Pastore e Bibi Mainaghi, i personaggi attraverso cui la serie tv filtra il racconto dei primi anni Novanta e l'ascesa al potere di Silvio Berlusconi.

da , il

    1993, la serie tv sbarca su Sky dal 16 maggio 2017 con le prime due nuove puntate: cosa succede ai protagonisti, difficili ma molto amati dal pubblico, che hanno caratterizzato la prima serie tv su uno dei periodi più difficili della storia italiana? Al termine di ’1992′, nata da un’idea di Stefano Accorsi, avevamo lasciato i protagonisti principali in balia dell’onda travolgente di Tangentopoli, che spazzò via tre quarti della classe dirigente italiana di allora. Ritroveremo Leonardo Notte, Veronica Castello, Luca Pastore e Bibi Mainaghi, e altri personaggi molto interessanti che debuttano nelle prime due puntate di 1993, la serie tv targata Sky, in onda dal 16 maggio 2017.

    1993 in onda dal 16 maggio 2017, cosa succede ai protagonisti? La serie tv ricomincia da una serata cruciale per la storia italiana di quell’anno: il 30 aprile 1993 avvenne il celebre lancio delle monetine contro Bettino Craxi, segretario del Partito Socialista Italiano, alla sua uscita dall’Hotel Raphael di Roma. ‘Vuoi pure queste? Bettino vuoi pure queste?’ gridavano gli italiani esasperati dalle ruberie dell’intera classe politica, venute a galla grazie alle inchieste di Tangentopoli. ‘1993′ riparte dalla disgregazione della Prima Repubblica e dall’ascesa al potere di Silvio Berlusconi.

    Leggi: ’1992′, la serie tv su Tangentopoli ideata da Stefano Accorsi sarà una trilogia

    Proprio il personaggio dell’imprenditore di successo che decise di ‘scendere in campo’ in politica sarà cruciale in questa serie, ma la sua immagine sarà raccontata dai contatti con protagonisti di ’1993′. Il più atteso di tutti è Leonardo Notte, interpretato da Stefano Accorsi, del quale scopriremo il passato nascosto di attivista politico ideologicamente schierato a sinistra, in una Bologna di fine anni Settanta: sarà proprio Leonardo Notte a spingere Silvio Berlusconi alla candidatura in politica, mentre si destreggia con la fidanzata Arianna interpretata da Laura Chiatti, nuovo ingresso nel cast.

    Altro personaggio molto amato è Veronica Castello, interpretata da Miriam Leone: la bella soubrette è ormai una ballerina e una showgirl affermata, ma è totalmente incapace di sostenere la pressione del suo successo in televisione.

    Leggi: 1993, Miriam Leone: ‘Veronica Castello è in ognuno di noi’

    La relazione burrascosa di Veronica con Pietro Bosco, il deputato della Lega approdato in Parlamento a Roma (interpretato da Guido Caprino), le ha lasciato troppi strascichi che non riesce totalmente a ignorare. Pietro, dal canto suo, avrà anche imparato il gioco politico, ma si metterà nei guai per via del suo animo sempre troppo puro.

    Luca Pastore (interpretato da Domenico Diele) , il poliziotto della squadra di Antonio di Pietro (Antonio Gerardi), vorrà ancora la sua vendetta nei confronti della ditta farmaceutica Mainaghi che ha venduto le sacche di plasma infetto attraverso cui lui ha contratto il virus HIV, ma cambierà il suo atteggiamento freddo e solitario grazie alla presenza di una donna, Eva, anche lei malata ma decisamente più ottimista di lui.

    Leggi: 1993, Domenico Diele: ‘Luca Pastore dovrà decidere da che parte stare’

    I fan di ’1992′ ritroveranno in ’1993′ anche Bibi Mainaghi, la rampolla ricchissima interpretata da Tea Falco, alla quale sono andate in eredità tutte le proprietà di papà Mainaghi: Bibi diventerà un’imprenditrice obtorto collo, ma sarà sola di fronte al suo oscuro destino e alla sua capacità di complicarsi sempre la vita. Sullo sfondo delle relazioni dei personaggi, la candidatura di Silvio Berlusconi al Parlamento italiano e la lunga lotta di Antonio Di Pietro nella ricerca della verità contro un Sistema sempre più marcio e colluso.