Ermal Meta sulla fidanzata Silvia Notargiacomo: ‘Il mio cuore è bene alimentato’

Il cantante si confessa tra vita privata e professionale: 'Dopo vent'anni faccio ancora gavetta'

da , il

    Ermal Meta parla della fidanzata Silvia Notargiacomo, speaker di Rtl 102.5 e Radio Zeta L’Italiana. La coppia sta insieme da sette anni, anche se è finita sotto la luce dei riflettori dopo il successo del cantante albanese naturalizzato italiano al Festival di Sanremo 2017: se le riviste di gossip all’epoca parlavano di un amore segreto, in realtà la Notargiacomo nel suo profilo Instagram non ha mai nascosto la sua relazione con Ermal Meta.

    Il mio cuore è ben alimentato’. Questa la dichiarazione d’amore di Ermal Meta alla fidanzata Silvia Notargiacomo. Trentaquattrenne, originaria di Roma, già conduttrice tv (Magic TV, Alice, Rai 3) e oggi speaker radiofonica (prima Radio 1 RAI, poi – da settembre 2016 – Rtl 102.5 e Radio Zeta L’Italiana), la fidanzata di Ermal Meta è abbastanza attiva sui social, dove ci sono anche svariate foto della coppia. Se lui usa i social per cose di lavoro ed è riservatissimo sulla sua vita privata, lei è più attiva, e cercando bene, appaiono anche scatti di Silvia Notargiacomo insieme ad Ermal Meta.

    Leggi: Sanremo 2017: Ermal Meta vince il Premio della Critica Mia Martini con ‘Vietato Morire’

    Intervistato da Chi, il terzo classificato a Sanremo 2017 e giurato di Amici, spiega dunque che l’amore nella sua vita ha un ruolo centrale, e che ama e difende l’amore. ‘Quando noi facciamo qualcosa, ruota intorno all’amore’, spiega Ermal Meta, facendo poi un paragone con il sole, che quando non c’è non vuol dire che non esista ma significa soltanto che non c’è in quel momento. ‘ Volete sapere come sta il mio cuore? Diciamo che è ben alimentato‘, aggiunge il cantante senza fare il nome della compagna.

    Leggi: Sanremo 2017 terza serata: Ermal Meta vince la gara delle cover

    Oltre che della fidanzata Silvia Notargiacomo, Ermal Meta parla anche del suo lavoro, sottolineando come siano vent’anni che fa gavetta, perché ogni giorno si sveglia e ricomincia da capo, con la voglia di imparare qualcosa. Il titolo della sua vita potrebbe essere dunque ‘Ricordati di disobbedire’, strofa del testo Vietato morire, che il cantante ha portato a Sanremo 2017. ‘Il concetto della disobbedienza va allargato, va sbattuto contro chi crede nel destino. Il destino non esiste’, secondo Ermal Meta, e ognuno di noi crea da sé il futuro per arrivare agli appartamenti della felicità. ‘Io – conclude – per aprire la porta della casa di uno degli appartamenti, ho faticato e fatico ancora’.

    Leggi: Sanremo 2017, Ermal Meta a Nanopress: ‘Vietato morire parla di disobbedienza’