David di Donatello 2017, vincitori: La Pazza Gioia miglior film

Ma Indivisibili e Veloce come il Vento hanno vinto un David in più

da , il

    La consegna dei premi per la 61^ edizione dei David di Donatello

    Gli Studi De Paolis di Roma hanno ospitato una bella e sobria cerimonia dei David di Donatello 2017: i vincitori del maggior numero di riconoscimenti sono risultati gli artefici e i protagonisti del film Indivisibili e Veloce Come il Vento, con 6 David ciascuno, ma tre dei quattro premi principali (miglior film, miglior regia e miglior attrice protagonista con Valeria Bruni Tedeschi) se li è portati a casa La Pazza Gioia di Paolo Virzì. Come previsto, la premiazione dei cosiddetti ‘Oscar italiani’, ottimamente condotti dal confermatissimo Alessandro Cattelan, è stata impreziosita dall’intervento di Roberto Benigni, che oltre a ritirare un David Speciale alla carriera (dedicato alla moglie Nicoletta Braschi), ha intrattenuto la platea con un appassionato e per certi versi commovente discorso sull’importanza del cinema che ha il potere di ‘rendere il mondo meno estraneo e nemico’.

    La Pazza Gioia ha vinto in totale 5 David di Donatello: oltre ai 3 già citati, la pellicola di Virzì (al suo secondo David come regista dopo quello per La Bella Vita nel lontano ’95) è stata premiata anche per il migliore scenografo (Tonino Zera) e il migliore acconciatore (Daniele Tartari). Valeria Bruni Tedeschi, premiata come miglior attrice (quarto David in carriera), ha inscenato un curiosissimo discorso di ringraziamento tra lacrime e risa: non si sa bene quanto recitato o spontaneo, ma di sicuro molto divertente (e dal pubblico è partita per lei una standing ovation).

    LEGGI IL DISCORSO DI BENIGNI AL QUIRINALE PER I DAVID DI DONATELLO 2017

    Il film Indivisibili di Edoardo De Angelis, che al cinema (incassi alla mano) è passato quasi inosservato pur avendo ottenuto ottime critiche (e chissà che adesso non si riesca a riportarlo nelle sale, magari con una migliore distribuzione), partiva con le stesse nomination di La Pazza Gioia (17), ha mancato i David più ambiti, ma si è comunque rifatto con 6 premi tra cui miglior musicista e miglior canzone originale al grande Enzo Avitabile, miglior sceneggiatura originale, miglior produttore, miglior attrice protagonista (Antonia Truppo, che ha bissato il David vinto l’anno scorso con Lo Chiamavano Jeeg Robot) e miglior costumista.

    6 statuette, come anticipavamo all’inizio, anche per lo splendido Veloce Come il Vento di Matteo Rovere (16 candidature): quasi tutti premi tecnici (fotografia, truccatore, montatore, suono ed effetti speciali) ma anche il grande exploit di Stefano Accorsi miglior attore protagonista per l’interpretazione del pilota tossico redento Loris De Martino (anche lui al secondo David dopo Radiofreccia del ’99).

    SCOPRI TUTTE LE CANDIDATURE AI DAVID DI DONATELLO 2017

    Per quanto riguarda infine gli altri premi assegnati ai David di Donatello 2017, i vincitori delle importanti categorie miglior attore non protagonista, miglior regista esordiente e miglior sceneggiatura adattata sono risultati rispettivamente Valerio Mastandrea (per Fiore), Marco Danieli (per La Ragazza del Mondo) e Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti e Salvatore De Mola per La Stoffa dei Sogni. Delusione invece per Fai Bei Sogni di Marco Bellocchio: 10 nomination ai David di Donatello 2017 ma zero vittorie.

    David di Donatello 2017: vincitori di tutte le categorie

    Miglior film

    La Pazza Gioia, per la regia di Paolo Virzì

    Miglior regia

    Paolo Virzì, per La Pazza Gioia

    Miglior regista esordiente

    Marco Danieli, per La Ragazza del Mondo

    Miglior sceneggiatura originale

    Nicola Guaglianono, Barbara Petronio, Edoardo De Angelis, per Indivisibili

    Miglior sceneggiatura adattata

    Gianfranco Cabiddu, Ugo Chiti, Salvatore De Mola, per La Stoffa dei Sogni

    Miglior produttore

    Attilio De Razza e Pierpaolo Verga, per Indivisibili

    Miglior attrice protagonista

    Valeria Bruni Tedeschi, per La Pazza Gioia

    Miglior attore protagonista

    Stefano Accorsi, per Veloce come il vento

    Miglior attrice non protagonista

    Antonia Truppo, per Indivisibili

    Miglior attore non protagonista

    Valerio Mastandrea, per Fiore

    Miglior autore della fotografia

    Michele D’Attanasio, per Veloce Come il Vento

    Miglior musicista

    Enzo Avitabile, per Indivisibili

    Miglior canzone originale

    ‘Abbi pietà di noi’, musica, testi di Enzo Avitabile, interpretata da Enzo Avitabile, Angela e Marianna Fontana, per Indivisibili

    Miglior scenografo

    Tonino Zero, per La Pazza Gioia

    Miglior costumista

    Massimo Cantini Parrini, per Indivisibili

    Miglior truccatore

    Luca Mazzoccoli, per Veloce Come il Vento

    Miglior acconciatore

    Daniela Tartari, per La Pazza Gioia

    Miglior montatore

    Gianni Vezzosi, per Veloce Come il Vento

    Miglior suono

    Presa diretta: Angelo Bonanni – Microfonista: Diego De Santis – Montaggio e Creazione suoni: Mirko PERRI – Mix: Michele Mazzucco, per Veloce Come il Vento;

    Migliori effetti speciali

    Artea Film & Rain Rebel Alliance International Network, per Veloce Come il Vento

    Miglior documentario

    Crazy for Football, di Volfango De Biasi

    Miglior film dell’Unione Europea

    Io, Daniel Blake, di Ken Loach

    Miglior film straniero

    Animali Notturni, di Tom Ford

    Miglior cortometraggio

    A Casa Mia, di Mario Piredda

    David Giovani

    Pierfrancesco Diliberto (Pif), per In Guerra per Amore

    3 Future Award

    Il Più Grande Sogno, di Michele Vannucci

    David Speciale alla carriera

    Roberto Benigni.