Emma Stone: i film più belli dell’attrice di La La Land

L'attrice americana è diventata famosa con Easy Girl e The Help

da , il

    Ne ha fatta di strada Emma Stone: i film più belli di inizio carriera, come Easy Girl, The Help e The Amazing Spider-Man, sono serviti a farla conoscere al grande pubblico, mentre con i successivi Birdman, Magic in the Moonlight e naturalmente La La Land è entrata dalla porta principale nell’olimpo delle star di Hollywood con l’intenzione di restarci molto a lungo. 28 anni, cresciuta a pane e musical, già vincitrice di numerosi riconoscimenti (Oscar, Golden Globe, Coppa Volpi a Venezia, BAFTA, MTV Movie Award, ecc.), Emma Stone ha tutto per diventare una delle attrici simbolo della sua generazione.

    Dopo qualche apparizione in alcune serie televisive, Emma Stone debutta al cinema nel 2007 in Suxbad – Tre Menti Sopra il Pelo e l’anno successivo trova già modo di farsi notare in The Rocker – Il Batterista Nudo e La Coniglietta di Casa. Inizialmente lavora soprattutto in commedie ed è proprio una di queste, Easy Girl del 2010, a regalarle la notorietà e una prima nomination ai Golden Globe.

    Il 2011 è un anno decisivo per Emma Stone: recita come co-protagonista nell’eccellente The Help di Tate Taylor, insieme alle straordinarie Octavia Spencer (che vince l’Oscar), Viola Davis e Jessica Chastain, e nell’apprezzatissimo Crazy, Stupid, Love, dove per la prima volta incrocia Ryan Gosling, il suo futuro partner in La La Land.

    I migliori registi di Hollywood iniziano a contendersela, ma per la definitiva consacrazione a livello di popolarità Emma Stone deve attendere il classico cinecomic: l’occasione giunge nel 2012 con The Amazing Spider-Man nella parte di Gwen Stacy, ruolo riprende anche nel sequel di due anni dopo. La sua performance nel reboot dell’Uomo Ragno è talmente incisiva da mettere in secondo piano anche il supereroe interpretato da Andrew Garfield, all’epoca suo fidanzato.

    Come si dice, ‘il primo amore non si scorda mai‘, e nel 2014 la rossa Stone esordisce a Broadway nel musical Cabaret. Sul grande schermo, invece, appare nel pluripremiato Birdman, dove veste i panni di Sam Thomson, figlia del protagonista, ruolo che le vale la sua prima nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista. Nello stesso periodo diventa la nuova ‘musa’ di Woody Allen che nel giro di soli due anni la scrittura per ben due film: Magic in the Moonlight e The Irrational Man.

    Nel 2016, infine, la grande occasione, sfruttata benissimo, di La La Land, con il quale si aggiudica l’Oscar per la migliore attrice protagonista.

    ‘La La Land è un film in cui ho potuto cantare e ballare ogni giorno con persone straordinarie’, ha ammesso in una recente intervista, ‘è già un premio aver potuto farne parte. Fare questo film è stato realizzare un sogno’.