NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Film al cinema

Quali film andare a vedere al cinema? Te lo consiglia Nanopress.it: trame, trailer, recensioni dei film in uscita

Moonlight, il dramma di Barry Jenkins candidato a otto premi Oscar

Moonlight, il dramma di Barry Jenkins candidato a otto premi Oscar

Vincitore del Golden Globe come Miglior Film Drammatico, tra i titoli di punta dei prossimi Academy Awards

da in Cinema, Film al cinema, Spettacoli

    Sulla carta, Moonlight potrebbe sembrare un altro piccolo film indipendente destinato a un pubblico di nicchia: tratto da un’opera teatrale di Terrel Alvin McCraney, “In Moonlight Black Boys Look Blue”, affidato a un regista con poca esperienza e cucito su un cast di attori molto bravi ma semi-sconosciuti. Basta andare più a fondo, però, per trovare qualcosa in più. Moonlight è prodotto dalla Plan B di Brad Pitt, che aveva già sfornato 12 anni schiavo di Steve McQueen. Il regista, Barry Jenkins, ha preso il testo teatrale e lo ha fatto suo, trasformandolo in un film molto più personale. Tra gli attori, spuntano la cantante Janelle Monáe e altri due volti noti ma non ancora notissimi, Naomie Harris (la Moneypenny degl ultimi Bond) e Mahershala Ali, visto al fianco di Matthew McConaughey in Free State of Jones. Moonlight è la storia di un omossessuale di colore che cerca il modo di essere se stesso in un mondo che non è disposto ad accettarlo: non un titolo destinato a grandi incassi, ma un film che ha strappato applausi in decine di festival e concorsi, portandosi a casa un Golden Globe per il Miglior Film Drammatico. E ora, con otto nomination agli Academy Awards, potrebbe persino aggiudicarsi un Oscar a sorpresa.

    Tre episodi che raccontano tre frammenti della vita di Chiron, omossessuale afro-americano alla ricerca di se stesso. Nel primo episodio, Chiron, ancora bambino, affronta le prime difficoltà con i coetanei, e viene preso sotto l’ala protettiva di Juan, spacciatore di droga, e di Teresa, la sua compagna. Nel secondo episodio, Chiron è ormai adolescente: sua madre, Paula, è una tossicodipendente dalla quale fugge appena può, cercando rifugio in casa di Teresa. Chiron è innamorato di Kevin, il suo migliore amico, ma l’ambiente in cui vivono pone un freno al loro amore. Dopo aver reagito con violenza ai soprusi di un bullo, Chiron finisce in riformatorio, rompendo il suo legame con Kevin. Nel terzo episodio, Chiron è diventato un piccolo spacciatore: ha scontato alcuni anni di galera, e sembra ormai avviato sulla strada del crimine. Ritrova Kevin dopo tanti anni, e il loro rapporto sembra ricominciare da dove si era interrotto.

    Cast artistico:

    Trevante Rhodes: Chiron adulto
    Prima di diventare attore, Rhodes gareggiava come velocista. Moonlight non è il suo primo film, ma è quello che lo ha reso noto al grande pubblico. Sarà anche in Song to Song, prossimo film di Terrence Malick.

    Mahershala Ali: Juan
    Era negli ultimi due capitoli di Hunger Games, ma ha avuto ruoli rilevanti anche nelle serie tv 4400, House of Cards e Luke Cage. Visto di recente in Free State of Jones, al fianco di Matthew McConaughey. Ha ottenuto una nomination per i Golden Globes, poi è stato candidato agli Oscar come Miglior Attore Non Protagonista: ai prossimi Academy Awards, potrebbe anche vincere l’ambita statuetta.

    Janelle Monáe: Teresa
    Cantante statunitense prestata al grande schermo. Nel 2016 ha recitato in due film, Moonlight e Il diritto di contare – Hidden Figures: casualmente, entrambi sono stati candidati all’Oscar come Miglior Film…

    Naomie Harris: Paula
    Attrice inglese, vista in 28 giorni dopo di Danny Boyle, in due capitoli della saga di Pirati dei Caraibi e in due film della serie di 007, Skyfall e Spectre, diretti entrambi da Sam Mendes, con Daniel Craig nei panni di James Bond. Con Moonlight, si è guadagnata una nomination ai Golden Globes e una candidatura all’Oscar come Miglior Attrice Non Protagonista.

    André Holland: Kevin adulto
    Era in Miracolo a Sant’Anna, diretto da Spike Lee, e nel recente Selma, dedicato a Martin Luther King. Per la tv, ha recitato al fianco di Clive Owen nella serie The Knick, e ha anche preso parte alla sesta stagione di American Horror Story.

    Ashton Sanders: Chiron adolescente

    Alex Hibbert: Chiron bambino

    Jharrel Jerome: Kevin adolescente

    Jaden Piner: Kevin bambino

    Cast tecnico:

    Regia e Sceneggiatura: Barry Jenkins
    Barry Jenkins è al suo secondo lungometraggio, ma con Moonlight ha già strappato gli applausi della critica e i favori del pubblico. Nato e cresciuto a Miami, Jenkins ha inserito diversi elementi autobiografici nella storia del suo protagonista, l’omosessuale Chiron.

    Moonlight è tratto da un’opera teatrale, ma ha il pregio di non farlo notare troppo: spesso, i film adattati da testi per il teatro risultano molto statici e molto “parlati”, giocati più sulle parole che sulle immagini. Il film diretto da Barry Jenkins, invece, riesce a nascondere piuttosto bene le sue origini, scorrendo sullo schermo senza sembrare né troppo rigido, né troppo verboso. Il film è diviso in tre episodi, tre frammenti della vita del protagonista gestiti come tre micro-storie autonome, ognuna con un diverso attore nel ruolo principale: un modo originale per raccontare una storia che rischia spesso di cadere nel puro melodramma, senza mai caderci davvero. Gli attori sono uno più bravo dell’altro, in particolare le due coppie di giovani interpreti che impersonano Chiron e Kevin prima da bambini, e poi da adolescenti. Le nomination agli Oscar per Naomie Harris e Mahershala Ali sono ampiamente meritate, e potrebbero anche dare i loro frutti… Difficile, invece, che Jenkins conquisti i premi principali. Moonlight non è certo un film da Oscar, ma è un film sincero, onesto ed emozionante: non un titolo destinato a grandi incassi, ma un film capace di strappare gli applausi del pubblico in sala.

    1025

    PIÙ POPOLARI