NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ladri di Carrozzelle a Sanremo 2017 con un inno alla voglia di vivere

Ladri di Carrozzelle a Sanremo 2017 con un inno alla voglia di vivere

Al Festival anche il gruppo rock formato da artisti con disabilità

da in Festival di Sanremo 2017, Musica, News Spettacoli, Spettacoli
Ultimo aggiornamento:
    Ladri di Carrozzelle a Sanremo 2017 con un inno alla voglia di vivere

    Grande momento al Festival con i Ladri di Carrozzelle a Sanremo 2017, la band rock formatasi a Roma nel 1989 e composta principalmente da musicisti con disabilità. Il gruppo, che ha riscosso una valanga di applausi dal pubblico dell’Ariston, ha aperto la serata finale con la canzone ‘Stravedo per la vita‘, un vero e proprio inno alla voglia di vivere che ribadisce quanto la musica sia il veicolo per parlare di gravi problemi, ma anche per celebrare la vita nonostante le avversità. I Ladri di Carrozzelle hanno dedicato l’esibizione sanremese a Piero Petrullo, batterista del gruppo fino al 2010, suicidatosi nei giorni scorsi nella sua abitazione alle porte della Capitale.

    Il titolo della canzone presentata dai Ladri di Carrozzelle a Sanremo 2017, ‘Stravedo per la vita’, è diventato anche un hashtag, #stravedoperlavita, che nel corso della serata finale del Festival è stato retwittato da tanti personaggi dello spettacolo e della cultura, oltre che da comuni internauti, per sostenere la band.

    Poche ore prima Paolo Falessi, direttore dei Ladri di Carrozzelle, aveva raccontato in conferenza stampa la storia della band: ‘Lavoravo in un villaggio quando mi chiesero di animare un gruppo di ‘handicappati’, come venivano definiti vent’anni fa: scoprì che si trattava di un gruppo di matti e quella settimana al villaggio se la ricordano ancora tutti. Abbiamo quindi continuato a frequentarci anche dopo, andavamo a vedere i concerti nei locali di Roma, finché un giorno ci siamo detti: perché non li facciamo noi? Noi facciamo musica ‘sbrock’, perché siamo un po’ matti. Perché ci chiamiamo così? All’epoca c’erano i Ladri di Biciclette di Paolo Belli, ma noi le bici non potevamo usarle e allora abbiamo fatto i Ladri di Carrozzelle’.

    I Ladri di Carrozzelle fanno tantissime date in giro per l’Italia e hanno il sogno di costruire una casa della musica, soprattutto per rispondere alle drammatiche esigenze del ‘dopo di noi’.

    ‘Sono musicisti rock eccezionali‘, ha spiegato qualche giorno fa Paola Severini Melograni, direttore dell’agenzia di stampa per il terzo settore che segue i Ladri da parecchi anni, ‘La formazione è cambiata numerose volte perché purtroppo alcuni di loro non ci sono più. Ma c’è anche chi ha lasciato la band per ben altri motivi, come una cantante che si è sposata qualche tempo fa.

    La vita è questo: è dolore, certo, ma anche gioia. E loro credono nella vita, ci credono eccome. E grazie a loro, possono crederci di più anche tutti gli altri’.

    I Ladri di Carrozzelle sono stati ospiti della finale di Sanremo 2017 insieme a Zucchero, Alvaro Soler, Carlo Cracco, Enrico Montesano, Rita Pavone e altri personaggi dello spettacolo.

    533

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festival di Sanremo 2017MusicaNews SpettacoliSpettacoli
    PIÙ POPOLARI