Affari Tuoi, il Codacons vigilerà sui pacchi e sulla correttezza del gioco

L'associazione dei consumatori entra nella trasmissione di Rai Uno dopo anni di denunce

da , il

    Il Codacons entra nella ‘stanza dei pacchi’ di Affari Tuoi. Lo rende noto la stessa associazione, annunciando che sarà l’avvocato Vincenzo Rienzi a controllare la correttezza del gioco del programma di Rai 1. Diverse, nel corso degli anni, le denunce del Codacons sulla poca trasparenza di Affari Tuoi, cui ora la trasmissione Rai spera di porre fine chiamando direttamente qualcuno dell’associazione nella stanza dei bottoni.

    Affari Tuoi ‘collabora’ con il Codacons, che ora chiede che il rappresentante in studio dell’associazione possa prendere visione della stanza della trasmissione di Rai 1 prima che il notaio entri, per confermare che nessuno vi acceda al momento dell’abbinamento dei premi alle rispettive regioni.

    Leggi: Affari Tuoi: Flavio Insinna si commuove per la storia di una concorrente

    Ad annunciarlo è lo stesso Codacons, chiamato dalla Rai a partecipare ad Affari Tuoi per garantire la correttezza del gioco a premi. È da praticamente un decennio che l’associazione dei consumatori ha avviato una battaglia per la trasparenza in favore dei telespettatori: se nel 2003 il Codacons aveva denunciato i ‘plagi’ del programma verso altre trasmissioni, successivamente erano partiti esposti all’Antitrust e anche in tribunale proprio per la scarsa trasparenza sulle modalità del gioco.

    Leggi: Affari tuoi, Striscia la notizia replica: ‘Flavio Insinna è un rosicone’

    Oggetto del contendente – come riportato anche in un servizio di Striscia la Notizia; per la cronaca, tutti fatti respinti dalla Rai – il fatto che i premi più ricchi ‘apparivano’ alla fine della puntata, con l’obiettivo di alzare lo share. Successivamente il Codacons aveva presentato ricorsi al Tar del Lazio e al Consiglio di Stato per la scelta poco trasparente dei concorrenti (qualche anno fa si pensava che alcuni di questi fossero attori, in qualche caso sono emerse parentele con maestranze del programma), e la mancanza di aleatorietà che invece per legge deve essere presente nei concorsi a premio: se c’è qualcuno che conosce il contenuto dei pacchi, egli può influenzare la scelta dei giocatori offrendo cifre più o meno alte a seconda del contenuto.

    Leggi: Flavio Insinna contro Antonio Ricci, il conduttore di Affari Tuoi: ‘Pretendo rispetto’

    Ora il Codacons sarà presente ad Affari Tuoi attraverso l’avvocato Vincenzo Rienzi, così da poter chiedere formalmente alla Rai di poter verificare quanto già è stato dalla Rai comunicato informalmente. In particolare, il Codacons chiede che nella stanza dove avviene l’abbinamento tra i pacchi e i premi sia presente solo il notaio e nessun altro soggetto: a Rienzi spetterà controllare la stanza prima che il notaio entri, per confermare che nessuno vi acceda al momento dell’abbinamento dei premi alle rispettive regioni.