Pino Daniele: la figlia Sara lo ricorda a due anni dalla morte

Pino Daniele: la figlia Sara lo ricorda a due anni dalla morte

'Un incubo da cui non riesco a risvegliarmi', ha scritto la ragazza

da in Cantanti, Musica, Pino Daniele, Spettacoli

    A due anni dalla morte di Pino Daniele la figlia Sara, nata dal matrimonio dell’artista con la seconda moglie Fabiola Sciabbarrasi, ha voluto ricordarlo con un lungo post su Instagram nel quale la ragazza si è rivolta direttamente a lui per comunicargli tutto il dolore e la tristezza che continua a provare dopo la sua dipartita (‘sembra un incubo da cui non riesco a risvegliarmi’), giungendo alla conclusione che forse è arrivato il momento di rassegnarsi al fatto che non ci sia più. Come tutti sicuramente ricorderete, Pino Daniele è venuto a mancare la sera del 4 gennaio 2015 a causa di un infarto che lo ha colto nella sua casa di Orbetello, in Toscana.

    ‘Hai scritto per me ‘Sara non piangere‘ (il brano, intitolato semplicemente Sara, si trova nell’album Medina del 2001, ndr), in cui mi dici di guardare il cielo ed inseguire un sogno vero, ma sono due anni ormai che l’unica cosa che cerco guardando il cielo sei tu‘.

    Inizia così lo struggente messaggio di Sara Daniele per il suo papà, scomparso improvvisamente in una fredda notte di gennaio. Un messaggio con il quale la figlia del grande Pino sembra quasi volersi ribellare all’idea che suo padre non debba tornare mai più, prima di cedere all’inevitabile rassegnazione. Ecco infatti come continua.

    ‘A me in realtà sembra un incubo da cui non riesco a risvegliarmi, ancora spero di entrare in casa e sentire la chitarra suonare, oppure aprire la porta e vedere te che sorridendo mi dici che era solo un brutto scherzo. Però sai, penso sia arrivato il momento di spegnere l’immaginazione e realizzare che non torni più‘.

    Il ricordo di Sara a due anni dalla morte di Pino Daniele si chiude con l’amara constatazione di una bella storia che si è chiusa troppo presto, ma che avrebbe dovuto continuare in eterno.

    ‘Proverò a cantare assieme agli altri, camminare per il lungomare che tanto adoravi, e vederti in giro per i vicoli. Sarai sempre per noi, l’ultima nota di una canzone che non doveva finire ma suonare in eterno.

    Ti amo infinitamente, Sara’.

    Il 4 gennaio 2017, secondo anniversario della scomparsa del cantautore partenopeo, la città di Napoli ha deciso a tributargli numerosi omaggi: previsti tra le altre cose due flash mob, uno in Piazza del Plebiscito e l’altro in Piazza Santa Maria La Nova, il quartiere dove Pino è cresciuto, mentre l’ANM, l’azienda napoletana per la mobilità, ha deciso di diffondere, tramite gli altoparlanti presenti nelle stazioni della Linea 1 della metropolitana e delle Funicolari, le canzoni più belle di Pino Daniele.

    Hai scritto per me "Sara non piangere", in cui mi dici di guardare il cielo ed inseguire un sogno vero, ma sono due anni ormai che l'unica cosa che cerco guardando il cielo sei tu. A me in realtà sembra un incubo da cui non riesco a risvegliarmi, ancora spero di entrare in casa e sentire la chitarra suonare, oppure aprire la porta e vedere te che sorridendo mi dici che era solo un brutto scherzo. Però sai, penso sia arrivato il momento di spegnere l'immaginazione e realizzare che non torni più. Proverò a cantare assieme agli altri, camminare per il lungomare che tanto adoravi , e vederti in giro per i vicoli. Sarai sempre per noi, l'ultima nota di una canzone che non doveva finire ma suonare in eterno. Ti amo infinitamente, Sara

    Una foto pubblicata da Sara Daniele (@saradanielee) in data:

    855

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CantantiMusicaPino DanieleSpettacoli
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI