Giancarlo Magalli querelato dal marito di Heather Parisi?

Il conduttore lo aveva definito un 'latitante'

da , il

    Guai in vista per Giancarlo Magalli: sarà querelato dal marito di Heather Parisi per diffamazione? Umberto Maria Anzolin, l’imprenditore vicentino che nel 2013 ha sposato la celebre soubrette, non ha gradito le recenti dichiarazioni del conduttore de I Fatti Vostri, che in una lettera aperta l’ha definito un ‘latitante‘, e ha dato mandato al suo legale, l’avvocato Piero Frattarelli, di procedere per vie legali contro Magalli. ‘L’espressione ingiuriosa è totalmente inveritiera e assolutamente destituita di ogni fondamento’, ha specificato il legale di Anzolin.

    Facciamo un passo indietro per far capire a tutti, anche a chi non ha seguito la vicenda dall’inizio, di cosa stiamo parlando. Qualche giorno fa l’anziano presentatore, rispondendo all’inelegante ‘Magalli chi?‘ pronunciato da Heather Parisi in un’intervista a Gay.it (i due in realtà si conoscono benissimo per aver lavorato insieme negli anni ’90), aveva deciso di ‘rinfrescarle la memoria‘ affidando a Dagospia la seguente dichiarazione: ‘La Parisi non si ricorda di me? Mi dispiace. L’Alzheimer è una brutta bestia. […] Sono stato l’ultimo a farla lavorare prima che scappasse ad Hong Kong al seguito del marito latitante‘.

    Parole piuttosto forti che non sono piaciute per niente al marito di Heather Parisi, che ha affidato a un comunicato redatto dal suo avvocato, e pubblicato sempre su Dagospia, una risposta dai toni molto duri. ‘Senza la benché minima provocazione da parte del Sig. Anzolin’, si legge nel comunicato a firma dell’Avv. Frattarelli del Foro di Roma, ‘Il Magalli ne ha offeso la reputazione e l’onore rivolgendogli il grave epiteto di ‘latitante’, appellativo che ha un contenuto altamente offensivo e gravemente ingiurioso’.

    Ingiurioso e, a quanto pare, anche fuori luogo, visto che Anzolin non sarebbe mai stato latitante: ‘È necessario evidenziare’, precisa infatti l’Avv. Frattarelli, ‘Che mai il mio assistito è stato oggetto di mandati di arresto, spiccati dall’Autorità Giudiziaria, o soggetto ad obbligo di dimora, o a qualsiasi altra limitazione, disposta dall’Autorità Giudiziaria, alla propria libertà personale. Pertanto, la dichiarazione resa dal Magalli integra, in modo evidente, una gratuita e grave offesa nei confronti del Sig. Anzolin, colpevole solo di essere il marito della Parisi’.

    E qui iniziano le dolenti note per Giancarlo Magalli, che sarà querelato per diffamazione: ‘Ho già scritto una querela per il reato di diffamazione nei confronti del Sig. Magalli’, annuncia l’avvocato, ‘Che sarà presentata all’Autorità Giudiziaria. Auspico, inoltre, che lo stesso provveda a ritrattare la sua offesa, riducendo in tal modo il danno provocato’.

    Che dire, Magalli presenterà le sue scuse o si lancerà a un nuovo contrattacco?