Film al cinema

Quali film andare a vedere al cinema? Te lo consiglia Nanopress.it: trame, trailer, recensioni dei film in uscita

Inferno, deludente terzo film della saga di Robert Langdon

Inferno, deludente terzo film della saga di Robert Langdon
da in Cinema, Film al cinema, News Spettacoli, Prodotti Spettacoli, Spettacoli
Ultimo aggiornamento: Venerdì 02/12/2016 07:17

    Inferno, il trailer italiano

    Dopo Il codice Da Vinci e Angeli e Demoni, Ron Howard dirige il terzo capitolo delle avventure del professor Robert Langdon, l’esperto di simbologia religiosa creato dalla penna di Dan Brown. Tom Hanks torna a vestire i panni dell’onnisciente professore-detective, che stavolta dovrà impedire il diffondersi di una letale epidemia, muovendosi tra Firenze, Venezia e Istanbul. Il cast è di tutto rispetto: Felicity Jones e Omar Sy, Ben Foster e Irrfan Khan, oltre a un nutrito gruppo di attori italiani più o meno noti al grande pubblico, qui chiamati a interpretare ruoli di contorno. Inferno gioca con la storia, l’arte e la letteratura, portandoci a seguire il professor Langdon in una mortale caccia al tesoro, nella quale ogni indizio è legato alla vita e alle opere di Dante Alighieri.

    Robert Langdon si risveglia a Firenze, in un letto d’ospedale, con una brutta ferita alla testa: ha subito uno shock, è clinicamente fuori pericolo, ma ora non ricorda assolutamente nulla degli ultimi giorni trascorsi in Italia. E cinque minuti dopo il suo risveglio, qualcuno tenta di ucciderlo… Langdon sfugge all’agguato grazie all’aiuto della dottoressa Sienna Brooks, una sua grande ammiratrice. I due, insieme, dovranno unire le forze per scoprire cosa sta accadendo a Firenze. Sembra che le recenti disavventure del professore portino la firma di Bertrand Zobrist, un folle miliardario che ha ideato un virus letale che sterminerà metà della popolazione globale: l’uomo si è appena suicidato, e tocca a Langdon e alla dottoressa Brooks trovare la sacca contente i baccelli del virus, prima che questa si rompa e diffonda il contagio.

    Cast artistico:

    Tom Hanks: Robert Langdon
    Hanks interpreta il professor Langdon per la terza volta, dopo Il codice Da Vinci e Angeli e Demoni, sempre diretti da Ron Howard, con cui aveva già lavorato anche in Apollo 13. Vanta una filmografia importante, due Oscar vinti e numerosi altri riconoscimenti: è l’eroe che non ti aspetti, l’uomo comune che può salvare la situazione.

    Felicity Jones: Sienna Brooks
    Giovane star in rapida ascesa, ha sfiorato l’Oscar con La teoria del tutto e sarà la protagonista di Rogue One, prossimo film della saga di Star Wars.

    Irrfan Khan: Harry Sims, il Rettore
    Attore indiano tra i più famosi anche in Europa e negli Stati Uniti, visto recentemente in Jurassic World e Vita di Pi.

    Omar Sy: Christoph Bouchard
    Francese, fresco acquisto del mercato hollywoodiano: dopo il successo del bellissimo Quasi amici ha visto moltiplicarsi le offerte di lavoro, dividendosi tra film europei come Mister Chocolat e blockbuster americani come X-Men – Giorni di un futuro passato.

    Ben Foster: Bertrand Zobrist
    Recentemente, Foster ha impersonato Lance Armstrong nel biopic The Program.

    Sidse Babett Knudsen: Elizabeth Sinskey
    Attrice danese, resa celebre a livello internazionale dalla serie tv Borgen – Il potere.

    Cast tecnico:

    Regia: Ron Howard
    Con un passato da Ricky Cunningham ormai alle spalle, Ron Howard si è da tempo affermato come un notevole regista di drammoni intensi e di altrettanto intensi film d’azione. Non sempre azzecca il film giusto, ma ha diretto titoli del calibro di The Missing, Cinderella Man e Frost/Nixon. Due Oscar nel 2002 per A Beautiful Mind, e regia di tre film tratti dai romanzi di Dan Brown.

    Sceneggiatura: David Koepp
    Regista e sceneggiatore, professionista del blockbuster: ha lavorato agli script di Jurassic Park, Mission Impossible, Spider-Man, La guerra dei mondi e l’ultimo Indiana Jones (sì, il peggiore…). È stato anche co-sceneggiatore di Angeli e Demoni.

    Fotografia: Salvatore Totino
    Direttore della fotografia di origini italiane, che spesso lavora al fianco di Ron Howard: The Missing, Cinderella Man e Frost/Nixon – Il duello, oltre ai tre film tratti dai romanzi di Dan Brown.

    Musiche: Hans Zimmer
    Uno dei più prolifici compositori del cinema contemporaneo, con svariate nomination agli Oscar ma una sola vittoria (per Il re leone). Sue le colonne sonore di Rain Man, A spasso con Daisy, Thelma e Louise, The Rock, La sottile linea rossa, Il gladiatore, Black Hawk Down… Nonché di buona parte dei film di Christopher Nolan, tra cui i tre Batman, Inception e Interstellar.

    Se la macchina di Hollywood può permettersi di parafrasare Dante alla meno peggio, possiamo permetterci farlo anche noi: “Lasciate ogni speranza, o voi che guardate”. Inferno è un film deludente, peggiore dei due episodi precedenti, tanto da non saper bene da che parte iniziare. La trama è confusa e inefficace, giocata su improbabili colpi di scena che servono solo a risvegliare il pubblico mezzo addormentato. Il cast è notevole, ma si perde in personaggi piatti e insopportabili, mossi da obiettivi che variano tra il “salvare il mondo” dei buoni e il “distruggere la razza umana” dei cattivi… Si salva giusto Irrfan Khan, con un personaggio davvero originale e sopra le righe. Le location sono fantastiche, ma sono sfruttate unicamente come una gradevole cornice turistica. Se siete patriottici, poi, vi divertirete a sentirvi derisi più volte, in quanto italiani creduloni. Inferno è uno di quei film che potrebbe portarvi in un mondo di assurdità, di incoerenze e di esilaranti buchi nella trama: lasciate ogni speranza, se proprio volete entrarci.

    994