Film al cinema

Quali film andare a vedere al cinema? Te lo consiglia Nanopress.it: trame, trailer, recensioni dei film in uscita

Deepwater – Inferno sull’oceano: trama, cast e recensione dell’action movie con Mark Wahlberg

Deepwater – Inferno sull’oceano: trama, cast e recensione dell’action movie con Mark Wahlberg
da in Deepwater - Inferno sull'oceano, Film, Film al cinema, News Spettacoli, Spettacoli
Ultimo aggiornamento: Giovedì 01/12/2016 07:17

    Deepwater - Inferno sull'Oceano, il trailer

    Il 20 aprile 2010, un’immane esplosione si verifica a bordo della Deepwater Horizon, una piattaforma petrolifera della British Petroleum che opera nel Golfo del Messico. Mentre sulla piattaforma divampa un gigantesco incendio, tonnellate di idrocarburi si riversano nelle acque circostanti per diversi giorni: è il più grande disastro ambientale della Storia americana, uno dei più gravi della Storia mondiale. Un evento terribile, di cui il film si occupa solo in parte: Deepwater -Inferno sull’oceano racconta della tragedia umana messa in ombra dal disastro naturale, seguendo le vicende di uomini e donne che lottano per sopravvivere all’incendio ormai fuori controllo, e che sta divorando la piattaforma pezzo per pezzo. Hollywood ci ha messo lo zampino, ma Deepwater – Inferno sull’oceano resta un film “ispirato a una storia vera”.

    Mike Williams lavora a bordo della Deepwater Horizon, una piattaforma petrolifera nel Golfo del Messico. Un incidente a una delle trivelle provoca un enorme incendio che inizia a divorare l’intera struttura: tecnici e dipendenti, inseguiti dalle fiamme e bloccati in mezzo all’oceano, dovranno lottare con tutte le loro forze per riuscire a scampare al disastro, contando sull’unico aiuto che possono darsi l’uno con l’altro. E tra loro, c’è anche Mike Williams, eroe per caso e suo malgrado. Salvare la pelle e rivedere la sua famiglia, salvare i propri compagni e sopravvivere alla catastrofe: questi gli obbiettivi primari di Mike, protagonista, vittima e spettatore di uno dei disastri ambientali più gravi della Storia mondiale. Ispirato a fatti realmente accaduti nell’aprile del 2010.

    Cast artistico:

    Mark Wahlberg: Mike Williams
    Wahlberg era il protagonista di Lone Survivor, sempre diretto da Peter Berg. A volte è il duro a morire di un film d’azione, altre volte è l’eroe per caso, altre ancora il perdente in cerca di riscatto: la chiave è nell’aspetto da uomo comune con piglio deciso, che quasi lo portava all’Oscar come Miglior Attore Non Protagonista in The Departed.

    Kurt Russell: Jimmy Harrell
    Il vecchio Kurt ha già affrontato le fiamme in Fuoco assassino, e si è già trovato in pericolo in mezzo all’oceano in Poseidon. Prima che gli anni cominciassero a farsi sentire, Kurt Russell era il tipico antieroe di parecchi film d’azione più “sperimentali”: 1997: Fuga da New York, La cosa, Grosso guaio a Chinatown, Tombstone, Stargate… Su su fino a Hateful Eight, ultimo film di Quentin Tarantino.

    Dylan O’Brien: Caleb Holloway

    Gina Rodriguez: Andrea Fleytas

    Kate Hudson: Felicia Williams
    Kate Hudson è figlia naturale di Goldie Hawn, e figlia adottiva di Kurt Russell, compagno della madre da più di trent’anni. Tanta commedia per la Hudson, dotata di un naturale talento comico, ma anche il thriller The Killer Inside Me e l’amaro Quasi famosi, una delle sue prime interpretazioni.

    John Malkovich: Donald Vidrine
    Malkovich, attore versatile come pochi, passa con disinvoltura da film impegnati come Uomini e topi a blockbuster modello Transformers 3, da film d’autore del calibro di Essere John Malkovich a film d’azione in stile Con Air. Nella sua vastissima filmografia, c’è spazio anche per Educazione siberiana, diretto da Gabriele Salvatores.

    Ethan Suplee: Jason Anderson

    Cast tecnico:

    Regia: Peter Berg
    Attore e regista, ha diretto altri film adrenalinici con un certo tocco personale, come The Kingdom, Hancock e Lone Survivor.

    Sceneggiatura: Matthew Michael Carnahan e Matthew Sand Carnahan.
    Aveva già lavorato alla sceneggiatura di The Kingdom, poi diretto da Peter Berg.

    Deepwater, la videorecensione di Nanopress.it

    In una delle prime scene del film, la figlia del protagonista Mike Williams dimostra di aver capito come funziona una trivella petrolifera usando una lattina di Coca Cola. È una delle scene meno importanti di Deepwater – Inferno sull’Oceano, ma è una di quelle condensa maggiormente le sue tante qualità. Semplicità ed essenzialità: pregi non da poco, in un film che avrebbe potuto sbrodolare tecnicismi e divagazioni a destra e a manca. Familiarità e quotidianità: i personaggi principali sono individui ordinari posti in situazioni straordinarie, ed è difficile non entrare in empatia. Onestà: Deepwater – Inferno sull’Oceano è esattamente quello che vuole essere, ovvero un film capace di intrattenere e di far pensare, senza sbilanciarsi troppo né verso l’aperta denuncia, né verso la facile adrenalina a encefalogramma piatto. Gli sceneggiatori hanno saputo mischiare con intelligenza action movie e dramma sociale, il regista Peter Berg ha dato al film uno stile tanto epico quanto realistico: Deepwater – Inferno sull’Oceano è uno dei più riusciti “disaster film” degli ultimi anni, tanto ben costruito da farsi perdonare persino qualche evitabile eccesso melodrammatico. Kurt Russell, qui, è semplicemente perfetto. I suoi fan ameranno ritrovarlo come ai vecchi tempi, granitico e inossidabile.

    876