Film al cinema

Quali film andare a vedere al cinema? Te lo consiglia Nanopress.it: trame, trailer, recensioni dei film in uscita

Indivisibili, un altro piccolo capolavoro di Edoardo De Angelis

Indivisibili, un altro piccolo capolavoro di Edoardo De Angelis
da in Cinema, Cinema Italiano, Film al cinema, News Spettacoli, Prodotti Spettacoli, Spettacoli
Ultimo aggiornamento: Venerdì 02/12/2016 07:17

    Indivisibili, il trailer del nuovo piccolo capolavoro di Edoardo De Angelis

    Edoardo De Angelis ha meno di quarant’anni: se in paesi con una sana industria cinematografica potrebbe già essere un veterano, in Italia è ancora un “giovane autore”. È al suo terzo lungometraggio: non è più esordiente, quindi, e ha superato lo scoglio dell’opera seconda, sulla quale si bloccano molti registi contemporanei. Dirige film radicati nell’Italia di oggi, ambientate in Campania e con tematiche molto nazionali, ma raccontati con una tale cura visiva e narrativa da solleticare un certo interesse anche oltre confine. Insomma, De Angelis è uno da tenere d’occhio nel prossimo futuro. Nel frattempo, mettiamolo di nuovo alla prova con Indivisibili, presentato sia alla Mostra del Cinema di Venezia che al Toronto Film Festival, le due rassegne più importanti di questo mese.

    Dasy e Viola sono gemelle siamesi, letteralmente “indivisibili” in senso fisico, ma altrettanto inseparabili sul piano emotivo: le due sorelle si vogliono tutto il bene del mondo, però… Però vorrebbero avere una vita normale, vorrebbero essere uniche, vorrebbero essere divise l’una dall’altra. I genitori vivono sulle loro spalle, sfruttandole come fenomeni da baraccone e costringendole a esibirsi in feste private e fiere di paese. La famiglia si mantiene grazie alla loro diversità, perciò Viola e Dasy si accontentano di una vita in condivisione, rassegnate all’idea di dover restare unite per sempre. O forse no. Dasy e Viola scoprono di poter essere separate per via chirurgica, e affrontano una drammatica scelta: continuare a essere gemelle siamesi, o provare a essere soltanto sorelle?

    Cast artistico:

    Angela Fontana: Dasy

    Marianna Fontana: Viola

    Antonia Truppo: Titti
    Fresca vincitrice del David di Donatello per Lo chiamavano Jeeg Robot, in cui interpretava una boss della malavita organizzata. Lavora sia per la TV che per il cinema, dove la si incrocia spesso in piccole produzioni d’autore.

    Massimiliano Rossi: Peppe

    Tony Laudadio: Nunzio

    Marco Mario De Notaris: Nando

    Gaetano Bruno: Marco Ferreri

    Gianfranco Gallo: Don Salvatore

    Peppe Servillo: Alfonso Fasano
    Peppe Servillo è la voce degli Avion Travel, è attore, sceneggiatore, drammaturgo e compositore. E sì, è anche fratello di Toni Servillo.

    Cast tecnico:

    Regia: Edoardo De Angelis
    De Angelis è al suo terzo lungometraggio dopo i notevoli Mozzarella Stories e Perez., entrambi di ambientazione campana.

    Sceneggiatura: Edoardo De Angelis, Barabara Petronio, Nicola Guaglianone

    Colonna sonora: Enzo Avitabile
    Il cantante e compositore campano ha curato le musiche del film.

    Indivisibili, la videorecensione di Nanopress.it

    Cosa ci aspettiamo di vedere

    Inutile girarci intorno: Indivisibili è uno dei miglior film italiani di quest’anno. Era anche in lizza per rappresentare l’Italia agli Oscar dell’anno prossimo, ma la mancata selezione non riesce comunque a oscurare un piccolo capolavoro, accolto positivamente sia alla Mostra del Cinema di Venezia che al Toronto Film Festival. Edoardo De Angelis dirige un film bello da vedere e fortissimo sul piano emozionale: la messa in scena è curatissima, la colonna sonora accompagna le immagini per contrasto, la storia va in crescendo e i personaggi sono uno più vivo e interessante dell’altro. Le gemelle Angela e Marianna Fontana sono eccezionali, ben supportate da Antonia Truppo e Massimiliano Rossi, calati alla perfezione in un mondo sporco, meschino e grottesco, un mondo dove le persone “normali” crepano di fame mentre i “mostri” (in senso morale) la fanno da padroni. Di film come Indivisibili ne servirebbero di più, per pensare che il cinema italiano stia rinascendo davvero. Per ora, accontentiamoci di averne almeno uno ogni tanto.

    645