La Vita in Diretta, intervista registrata scatena la polemica: ‘Cambiate nome’

La Vita in Diretta, intervista registrata scatena la polemica: ‘Cambiate nome’

L'ironia di Twitter e i ringraziamenti di Barbara D'Urso a Luca Campanile

da in Cristina Parodi, La vita in diretta, Personaggi TV, Rai, Rai 1, Spettacoli, Televisione
Ultimo aggiornamento:
    La Vita in Diretta, intervista registrata scatena la polemica: ‘Cambiate nome’

    Nuova polemica per la Rai. Stavolta è coinvolta La Vita in diretta, che ieri 28 gennaio 2016 ha trasmesso un’intervista registrata col rischio di confondere i telespettatori. Il conduttore Marco Liorni ha infatti intervistato Luca Campanile, l’uomo ripreso alla stazione Termini con in mano un fucile giocattolo, ma il momento era registrato e la cosa non è passata inosservata, anche perché in molti si sono accorti che nello stesso momento su Canale 5, da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, c’era lo stesso ospite. In diretta.

    Così in Rete è scoppiata la polemica e non sono neppure mancate le domande-tormentone. Per via dell’intervista registrata a Luca Campanile, c’è chi ha suggerito La Vita in Diretta di cambiare nome, disorientato dallo ‘sdoppiamento’ dell’ospite ‘in contemporanea’ sia su Rai 1, sia su Canale 5.

    Come al solito su Twitter le ironie non sono mancate: c’è chi ha bollato il momento come trash, chi ha usato l’ironia, chi ha scagliato critiche feroci in qualità di tele-spettatore.

    Alcuni esempi? ‘Almeno cambiate nome! Tipo ‘La vita in differita’ o ‘La vita registrata’ e poi mandata in onda per parac*larvi’, ha scritto @GattoPop in un cinguettio. C’è addirittura chi ha sospettato di aver alzato il gomito: ‘Oddio – ha twittato @RagazzoComune – ce ne sono due?’; mentre Daniela è andata nel concreto: ‘Stanno rasentando il ridicolo’.

    Intervista Campanile

    In verità, se da un lato si può discutere dell’opportunità di mandare in onda o meno la stessa intervista allo stesso ospite e nello stesso orario – registrata a La Vita in Diretta, live a Pomeriggio 5 – non si può però dire che a Rai 1 non avessero annunciato e scandito che la chiacchierata con Luca Campanile non fosse dal vivo. Sono state queste, infatti, le parole del conduttore Marco Liorni prima di lanciare l’intervista, registrata qualche ora prima negli studi della Rai:

    ‘Vi ricordate la storia dell’uomo alla stazione Termini col fucile giocattolo? E’ venuto a trovarci poco fa’, ha detto, mentre prima di ‘uscire’ dalla diretta e sul vidiwall della trasmissione si è visto lo stesso Liorni ‘registrato’. Finita l’intervista, Liorni ha chiarito ancora una volta dicendo: ‘Torniamo in diretta’. Inoltre, secondo quanto riportato dal Giornale, sarebbe poi tornato nuovamente sulla vicenda per rispondere alla polemica sorta in Rete:

    ‘Non abbiamo in alcun modo fatto pensare che l’intervista fosse in diretta. Il signore in questione ci ha detto che a quell’ora non poteva essere in studio da noi, così è venuto a trovarci prima, verso le 15 e abbiamo registrato’. Poi, alle 17.00, quando abbiamo abbiamo mandato l’intervista ci siamo accorti che Campanile era in onda su Canale 5, ma questo a noi non l’aveva detto.

    Ma non ci vedo nulla di male, a volte capita che per ragioni pratiche o per indisponibilità dell’ospite non possiamo fare interviste in diretta’.

    Luca Campanile D'Urso

    Però gli assidui frequentatori del piccolo schermo pomeridiano, diviso in fans de La Vita in diretta e seguaci di Pomeriggio 5, si sono accorti che la vicenda dell’uomo col fucile giocattolo ha smosso non poco gli animi dei conduttori di Rai 1 e di Canale 5. A Pomeriggio 5, infatti, non sono mancate le scritte in sovra-impressione, per sottolineare che l’intervista a Luca Campanile è stata un momento televisivo ‘esclusivo’ e rigorosamente ‘in diretta da Roma’.

    Del resto, per chi non se ne fosse accorto, ci ha pensato la padrona di casa a chiarirlo a gran voce: ‘Luca – ha detto la D’Urso – grazie di aver accettato il mio invito e di essere qui in diretta con me. Grazie davvero’. Poco dopo la conduttrice di Pomeriggio 5 è ritornata a sottolineare ancora una volta che l’intervista a Luca Campanile era in diretta: ‘Sono le 17.20, siamo qui in diretta e tu invece di stare a lavoro hai scelto di stare in diretta con me’.

    In fondo, vien da dire, questa storia è nata in TV ed è andata avanti in tv. Perché? Ospite dalla D’Urso, Campanile ha infatti chiarito una volta per tutte cosa gli è successo: ‘Quando ho saputo che i carabinieri mi cercavano? Martedì mattina. Mia madre guardava la Rai e ha visto questa notizia: mi ha chiamato chiedendomi se ero io quello in tv’.


    916

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cristina ParodiLa vita in direttaPersonaggi TVRaiRai 1SpettacoliTelevisione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI