Totò Schillaci, l’ex moglie commenta il tentato suicidio a Domenica Live: ‘Non ricordo nulla’

da , il

    Totò Schillaci, l’ex moglie commenta il tentato suicidio a Domenica Live: ‘Non ricordo nulla’

    Si torna a parlare dei presunti tentativi di suicidio dell’ex moglie di Totò Schillaci Rita Bonaccorsi, ospite il 1 novembre 2015 nella trasmissione tv Domenica Live, condotta da Barbara D’Urso nel pomeriggio di Canale5. L’ex moglie del calciatore della Lazio avrebbe infatti tentato di togliersi la vita come reazione ad una vicenda di giustizia ingiusta, così come l’ha definita la donna in un’intervista in diretta tv. Vicenda che risale al 1992, ma che ancora oggi è nelle aule di Tribunale, e per cui Bonaccorsi si professa completamente estranea ai fatti.

    E, la sua storia, in effetti, appare complessa. Da un lato, la donna avrebbe prestato gratuitamente la propria immagine come testimonial di un’azienda; dall’altro sarebbe comparsa come socia dell’attività, però a sua insaputa. La Legge le avrebbe chiesto conto del fallimento della società, nonostante lei dica di non c’entrare. Di conseguenza, però, gli ufficiali giudiziari le vorrebbero portare via la casa dove abita ancora oggi e lei, in un primo momento, avrebbe reagito con un tentativo di suicidio.

    Secondo le ricostruzioni giornalistiche, la donna un po’ di tempo fa avrebbe tentato di far esplodere la casa e sarebbe salita sul tetto munita di una tanica di benzina, per impedire che le portassero via l’abitazione, dove attualmente vive con i suoi due figli Jessica e Mattia. A tal proposito, durante l’intervista da Barbara D’Urso, l’ex moglie di Totò Schillaci ha dichiarato che in quel momento era disperata, ma che non ricorda nulla di quanto successo.

    La vicenda giudiziaria – ha chiarito in tv la donna, in compagnia della figlia Jessica, entrambe intervistate dalla conduttrice di Canale 5 – risalirebbe addirittura al 1992. Rispetto all’episodio di presunta truffa ai suoi danni, ha quindi fornito una sua versione dei fatti: ‘Mi hanno distrutto la vita. Voglio verità e giustizia’, questo il suo appello alla Magistratura affinché revisioni il caso.