Amber Heard: la moglie di Johnny Depp è accusata di contrabbando di cani in Australia

Amber Heard: la moglie di Johnny Depp è accusata di contrabbando di cani in Australia
    Amber Heard è accusata di contrabbando di cani

    Amber Heard, la moglie di Johnny Depp, è stata accusata di contrabbando di cani in Australia. L’attrice ha portato i cani della coppia vip senza la necessaria autorizzazione ed è adesso accusata di aver violato le leggi che riguardano la biosicurezza del continente. Proprio per questo motivo la moglie dell’attore dei Pirati dei Caraibi rischia una pena di 10 anni di carcere o una multa di 100.000 dollari. I due Yorkshire terrier Pistol e Boo sarebbero stati introdotti illegalmente nel continente australiano attraverso un jet privato, con il quale Amber Heard si sarebbe spostata fin lì per andare a trovare il marito.

    La violazione della legge o presunta tale è stata scoperta quando una foto dei due cani di casa Depp è stata condivisa sui social dalla proprietaria del salone di bellezza per cani, a cui i due animali erano stati affidati.

    La reazione del ministro dell’agricoltura australiano è stata molto dura, perché, proprio in corrispondenza della diffusione della notizia, ha detto esplicitamente che non si poteva lasciar correre soltanto perché si trattava di una stella del cinema. Addirittura il ministro aveva minacciato di far sopprimere i cani, se Amber Heard non li avesse riportati subito negli Stati Uniti.

    I cani, le cui immagini erano state diffuse sui social network, non risultavano essere in possesso di documenti a norma, che si rendevano necessari per la permanenza sull’isola. Inoltre, stando alle indiscrezioni che erano pervenute, questi animali, secondo i controlli delle autorità, non avevano trascorso il periodo di quarantena previsto dalla legge australiana, prima di entrare nel continente.

    Dopo l’ultimatum dato dal ministro australiano, Amber Heard e Johnny Depp avevano lasciato l’Australia insieme ai due animali. Tuttavia dal punto di vista legale il percorso è continuato e il procuratore generale del Commonwealth si è posto a tutela della fauna e della flora locali.

    E’ stato emesso, quindi, un mandato di comparizione per Amber Heard, che a settembre dovrà presentarsi davanti al tribunale, per ascoltare ciò che la legge ha deciso sul suo conto.

    361

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI