Foto rubate ai vip, Elisabetta Canalis: ‘La mia vita spiata, ho fiducia nella giustizia’

Foto rubate ai vip, Elisabetta Canalis: ‘La mia vita spiata, ho fiducia nella giustizia’

    Foto rubate ai vip, Elisabetta Canalis racconta la sua vita spiata e si dice fiduciosa nella giustizia. La showgirl, all’epoca dei fatti contestati fidanzata di George Clooney, racconta la sua insicurezza dovuta anche al fatto di non potersi più fidare di nessuno: ‘Temevo – spiega in esclusiva ad Oggi – che ad ogni click e invio qualcuno potesse leggere e vedere tutto’. E intanto si susseguono le indiscrezioni sul caso.

    Non si fermano le indiscrezioni sul caso delle foto rubate ai vip violando i loro sistemi informatici, e in particolare le credenziali per accedere alle caselle di posta elettronica: i giudici puntano il dito contro Selvaggia Lucarelli, Guia Soncini e Gianluca Neri, blogger e giornalisti che tra il 2010 e il 2011 avrebbero hackerato le password per entrare nelle caselle di posta elettronica di alcuni vip. Accuse rispedite al mittente (le foto sarebbero state trovate su internet), anche se i tre, a giugno, finiranno a processo.

    Ad essere spiati, una trentina di vip: tra gli altri, Federica Fontana, Mara Venier, Paolo Virzì, Emanuele Filiberto di Savoia, l’ex gieffina Melita Toniolo, Stefano Bettarini (ex calciatore ed ex marito di Simona Ventura), Paola Perego e il giornalista Paolo Guzzanti, ma anche personaggi di Hollywood come Scarlett Johansson, Sandra Bullock e George Clooney, all’epoca fidanzato con Elisabetta Canalis.

    Sotto ‘accusa’ proprio degli scatti fatti al party a Villa Oleandra, residenza di George Clooney: l’accusa sostiene che, entrati in possesso delle immagini, Lucarelli, Neri e Soncini avrebbero tentato di venderle ad un settimanale di gossip, vendita stoppata dalla denuncia della Canalis. Oggi legata a Brian Perri e in attesa di un figlio, la showgirl spiega in esclusiva ad Oggi di essersi rivolta alla polizia che le ha effettivamente confermato degli accessi non autorizzati.

    Canalis racconta allora di aver avvisato i suoi contatti, una raccomandazione fatta però circolare dagli ‘hacker’. La showgirl parla di un incubo, trascinatosi anche nei mesi successivi: ‘Temevo ad ogni click ed invio che qualcuno potesse leggere e vedere tutto. Pertanto ho ritenuto corretto tutelarmi a livello legale, al fine di venire a capo di questa vicenda’.

    Pur essendo consapevole di essere un personaggio pubblico, Canalis spiega che questo non significa che le sue foto personali o i suoi dati possano essere condivise pubblicamente o addirittura messi in vendita a sua insaputa. ‘Confido – conclude la showgirl – nella giustizia italiana e sono sicura che verranno accertate le responsabilità di quanto accaduto’.

    474

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI