Alfonso Signorini sbarca a Hollywood: ‘Troppo fiera, troppo fragile’ su Maria Callas sarà un film interpretato da Noomi Rapace

da , il

    Alfonso Signorini arriva a Hollywood grazie alla biografia su Maria Callas che diventerà un film con Noomi Rapace. A interpretare la Divina Maria Callas sarà infatti l’attrice che diede vita all’hacker Lisbeth Salander nella trilogia cinematografica svedese tratta dai romanzi di Stieg Larsson. La regista e sceneggiatrice Niki Caro ha modellato il film sulla biografia Troppo fiera, troppo fragile scritta dall’opinionista televisivo Alfonso Signorini nel 2009 e sarà incentrato sul travolgente amore tra la cantante e il magnate greco Aristotele Onassis, relazione controversa che portò la Callas a lasciare il marito e che la gettò successivamente nella più profonda depressione.

    Maria Callas nasce a New York da genitori greci con il nome di Anna Maria Cecilia Sophia Kalogeropoulou nel dicembre 1923. Studia canto e pianoforte al Conservatorio di Atene e da subito si distingue per la particolare potenza della sua voce, capace di interpretare i pezzi della tradizione melodrammatica italiana con sorprendente abilità. Rientrata negli Stati Uniti per proseguire la propria carriera, ben presto sceglie l’Italia come nuova patria d’elezione e proprio qui agli inizia degli anni ’50 viene definitivamente consacrata e sposa senza troppa convinzione Giovanni Battista Meneghini, che diventa anche il suo agente. La fama mondiale arriva contemporaneamente all’entrata in scena di Aristotele Onassis, della quale la Callas s’innamora perdutamente e per il quale decide di lasciare il marito. Nel 1968 Onassis sposa Jacqueline Kennedy e mette bruscamente fine alla storia con la cantante, che da quel momento non sarà più la stessa.

    Il ruolo di Maria Callas non sarà quindi una passeggiata per l’attrice Noomi Rapace, che sarà alle prese con un personaggio sfaccettato e a tratti contraddittorio. Nella sua carriera di attrice ci sono già interpretazioni intense, come quella della protagonista dei romanzi di Stieg Larsson, diventati trilogia cinematografica nel 2009, o come il personaggio del suo ultimo film, Child 44, dove recita al fianco di Tom Hardy, Gary Oldman e Vincent Cassel.

    La biografia di Maria Callas è intitolata Troppo fiera, troppo fragile ed è stata scritta da Alfonso Signorini nel 2009. Il percorso che lo ha portato all’interno della vita dell’iconica cantante lirica passa per centinaia di lettere inedite e autografe, attraverso le quali si può ricostruire come un puzzle l’esistenza della Callas grazie al suo modo di comunicare. Moltissimi i personaggi famosi che rivivono nelle lettere della Divina, ma il nodo centrale e più doloro è certamente la relazione con Aristotele Onassis, croce e delizia di una vita dedicata all’arte e alla bellezza.