Fabio e Mingo sospesi da Striscia la Notizia: le motivazioni del licenziamento

Fabio e Mingo sospesi da Striscia la Notizia: le motivazioni del licenziamento
da in Antonio Ricci, Canale 5, MasterChef, Personaggi TV, Spettacoli, Striscia la Notizia, Televisione
Ultimo aggiornamento:
    Fabio e Mingo sospesi da Striscia la Notizia: le motivazioni del licenziamento

    Sembrano essere emerse le motivazioni del licenziamento di Fabio e Mingo da Striscia la Notizia. Sono emersi infatti nuovi elementi che gettano sui due ex inviati del tg di Antonio Ricci pesanti accuse. Il duo avrebbe montato un servizio in cui un finto avvocato esercitava la professione senza avere il titolo necessario e invitato l’Ordine degli Avvocati a indagare presso la Procura di Bari. Il magistrato Isabella Ginefra avrebbe aperto l’indagine, ma avrebbe scoperto che il finto accusato di Fabio e Mingo altro non era se non un semplice attore. La redazione di Striscia la Notizia si dichiara estranea all’accaduto e mette in dubbio la buona fede dei due pugliesi, che avrebbero inscenato lo scandalo per ottenere i bonus previsti per ogni servizio realizzato.

    La risposta di Fabio e Mingo arriva immediatamente e i due si professano totalmente innocenti. Gli ex inviati si dichiarano esterrefatti per l’intera vicenda e assicurano di aver sempre agito nel massimo rispetto della verità: ‘Per ben diciannove anni abbiamo collaborato fedelmente dando il massimo della nostra professionalità nel rispetto di ogni indicazione ricevuta, anche se non sempre condivisa‘. Gli accertamenti sulla presunta fabbricazione del servizio saranno portati avanti dalla magistratura e soltanto dopo attente indagini potrà essere fatta chiarezza su quanto realmente accaduto. Intanto a Striscia la notizia continuano i provini per trovare i nuovi inviati del programma, tra i quali era stato accreditato anche l’ex concorrente di MasterChef Almo Bibolotti.

    Fabio e Mingo sospesi da Striscia la Notizia: gli inviati replicano alle motivazioni dell’allontanamento, dopo che il Gabibbo durante la puntata del tg satirico di ieri, 5 maggio 2015, ha reso noti i motivi della fine del rapporto lavorativo. Fabio e Mingo, con un nota Ansa, hanno voluto precisare il loro stupore dopo le parole che Antonio Ricci, attraverso il pupazzo rosso, ha rivolto nei loro confronti, arrivando a minacciare anche azioni di tipo legale. E le dichiarazioni dei due inviati pugliesi, sembrano mettere le basi per un botta e risposta che è solo all’inizio.

    Se Striscia la Notizia ha accusato Fabio e Mingo di aver fatto due servizi falsi, gli inviati pugliesi non ci stanno a passare per bugiardi e d hanno deciso di replicare alle parole che il Gabibbo ha usato: i due hanno affermato che hanno sempre lavorato seguendo le indicazioni che gli autori del programma gli hanno dato per portare a termine servizi in linea con lo stile della trasmissione. Per tale ragione, mentre il tg satirico continua la ricerca di nuovi inviato che possano sostituirli, Fabio e Mingo si dicono meravigliati per il contenuto delle frasi usate nei loro confronti, perché loro hanno sempre assecondato le richieste degli autori, utilizzando le loro capacità di attori, ‘scelta e nelle modalità di esecuzione dei servizi stessi‘. Queste parole sembrano proprio il modo per rimandare indietro le accuse: sembra evidente che la polemica non si placherà presto, tanto più che Striscia minaccia azioni legali per accertare tutte le responsabilità. Antonio Ricci andrà di certo a fondo per arrivare alla verità.

    Aggiornamento del 6 maggio 2015 a cura di Francesca Ajello

    Fabio e Mingo sospesi da Striscia la Notizia: due servizi falsi costano loro il posto. I motivi dell’allontanamento della redazione pugliese del tg satirico di Canale 5 sono stati svelati dal Gabibbo martedì sera. I servizi sono in particolare uno su una maga sudamericana e l’altro su un presunto avvocato: smentito quindi che nella vicenda c’entri la querela della Asl di Pescara. Rimane però che i due inviati sono stati sospesi a tempo indeterminato, e anzi il Gabibbo ha annunciato azioni legali contro i due.

    Risolto il mistero sulla sospensione di Fabio e Mingo da Striscia la notizia: a far arrabbiare Antonio Ricci sono stati due servizi falsi, uno su una maga sudamericana e l’altro su un presunto avvocato. Secondo quanto annunciato dal Gabibbo durante la puntata del 5 maggio 2015, le prove contro i due sono così pesanti che sono state annunciate anche le vie legali contro i due ex inviati. Tali prove, però, non sono state spiegate nel corso della trasmissione, anche se il pupazzo rosso ha ricordato non tanto il caso Masterchef citato a fine aprile quando è stata resa nota la sospensione, ma i precedenti di giornalisti che in Italia e all’estero hanno taroccato servizi senza finire nei guai.

    Come già all’indomani del provvedimento, l’hashtag Fabio e Mingo è diventato uno degli argomenti più caldi di Twitter: si attende ora la replica dei due inviati, che nei giorni scorsi si erano detti caduti dalle nuvole, ma assolutamente sereni e tranquilli.

    Aggiornamento di Fulvia Leopardi del 5 maggio 2015

    Per Fabio e Mingo sembra confermata la sospensione da Striscia la Notizia e il tg di Antonio Ricci è già alla ricerca di nuovi inviati. Dopo l’annuncio del Gabibbo di pochi giorni fa, pare che il programma satirico di Canale 5 stia cercando i sostituti per il duo pugliese colpito da una misteriosa segnalazione che ne ha messo in dubbio l’operato. Da Striscia non arrivano ancora spiegazioni o motivazioni ma il nuovo appello per le selezioni non lascia presagire niente di buono per Fabio De Nunzio e Domenico De Pasquale, che allo stesso modo mantengono il silenzio stampa ma su Facebook ringraziano per la solidarietà i molti sostenitori.

    Durante la puntata di martedì 28 aprile il Gabibbo ha fatto la sua comparsa e ha annunciato: ‘Amici, Striscia la Notizia è alla ricerca di nuovi inviati/e. Fateci pervenire al più presto un vostro servizio dimostrativo, della durata non superiore ai quattro minuti. Tra gli altri, inoltre, cerchiamo anche inviati/e con laurea in giurisprudenza. Vi aspettiamo. Ciao Besughi‘. La ricerca di nuovi volti per il tg sembra avvallare l’ipotesi del licenziamento definitivo per Fabio e Mingo, inviati storici dal 1997, arriveranno le spiegazioni per questo provvedimento estremo?

    Intanto da Fabio e Mingo arrivano parole di sconforto, che definiscono surreale una situazione in cui i due inviati capiscono ancora poco: ‘Francamente non ne sappiamo nulla, sono caduto dalle nuvole. Non sappiamo cosa pensare, se sia una trovata di Ricci. Non siamo preoccupati, se avessimo fatto qualcosa lo saremmo, invece siamo sereni‘.

    Gli inviati Fabio e Mingo sono stati sospesi da Striscia la Notizia e ad annunciarlo è stato il Gabibbo durante la puntata di ieri sera 23 aprile. L’organico del tg satirico di Antonio Ricci sembra aver subito un inaspettato scossone che ha colpito due degli storici volti del programma, Fabio e Mingo. La coppia di inviati prevalentemente attivi sul fronte degli sprechi pubblici è stata oggetto di una segnalazione, che ha fatto scattare immediatamente il provvedimento della redazione di Canale 5. L’argomento di tale segnalazione è ancora sconosciuta, così come la sua fonte. L’ultimo servizio del duo coinvolgeva l’Asl di Pescara e il direttore Claudio D’Amario, che sia lui la causa della sospensione?

    Nella puntata di ieri sera di Striscia la Notizia era appena iniziato il servizio di rito dedicato al vincitore di MasterChef Stefano Callegaro, ormai argomento fisso per il programma di Antonio Ricci, che ancora non abbandona la polemica sulle presunte irregolarità del talent culinario. Nel bel mezzo dell’ennesima querelle compare il Gabibbo e senza mezzi termini annuncia che Fabio e Mingo sono stati sospesi: ‘Cari telespettatori, abbiamo ricevuto una segnalazione che può mettere in discussione il rapporto di fiducia con la redazione pugliese di Fabio e Mingo. Da subito, sono sospesi da inviati. Quando tutto sarà chiaro, vi faremo sapere. Oh, qui siamo a Striscia, mica a MasterChef‘.

    Fabio e Mingo all’anagrafe sono Fabio De Nunzio e Domenico De Pasquale. Entrambi originari della Puglia, hanno avuto carriere legate al teatro e alla televisione, sopratutto regionale, fino al 1997, anno in cui iniziano la collaborazione con Striscia la Notizia. Impegnati in operazioni di denuncia verso lo spreco di soldi pubblici, i due hanno negli anni sviluppato uno stile particolare. Mentre Mingo si fa portavoce e leader del servizio, Fabio si chiude nel mutismo e funge da sentinella silenziosa, anche se all’apparenza ha la stessa utilità di un fermacarte. Utile o no, la coppia sembra aver trovato uno stile vincente, che gli ha permesso di diventare gli inviati più longevi del programma, almeno fino a oggi.

    Il Gabibbo ha parlato di una segnalazione e il primo sospettato è ovviamente l’ultimo soggetto colpito dalle indagini di Fabio e Mingo. In questo caso è l’Asl di Pescara e il direttore generale Claudio D’Amario, già autore di una denuncia per calunnia e diffamazione per aver mostrato in un servizio delle immagini fuorvianti e inesatte. Considerando che la segnalazione è arrivata alla redazione pugliese del tg ci sono forti sospetti in questa direzione, ma finché non arriverà una conferma ufficiale saranno soltanto illazioni.

    1773

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Antonio RicciCanale 5MasterChefPersonaggi TVSpettacoliStriscia la NotiziaTelevisione
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI