Film western americani e italiani: i più belli

Film western americani e italiani: i più belli
9 pellicole di diverse epoche
Di

1244

Film western italiani e americani più belli

Quali sono i film western italiani e americani più celebri? Il genere western è nato negli Stati Uniti, ma ha avuto un ruolo altrettanto importante anche in Italia, tanto da far coniare la definizione di western all’italiana, o del più noto spaghetti western, filone molto amato da Quentin Tarantino. Solitamente ambientate nell’ovest americano dell’800, il western contempla generalmente la presenza di cowboy, combattimenti con gli indiani e bande di criminali. La conquista di ambienti poco esplorati, il cosiddetto mito della Frontiera, l’amicizia virile, la presenza di codici d’onore e l’assenza di leggi, sono solo alcune delle ‘regole’ del genere in questione.

FacebookTwitter

Quelli ambientati in territorio di frontiera sono da sempre film che compongono uno tra i più popolari generi cinematografici: il western. Noi vi presentiamo una lista di film western americani e italiani tra i più belli, ripercorrendo attraverso una manciata di titoli, alcune tappe di questo genere. Molto amato, il western sembra non voglia mai tramontare, e questo lo confermano i numerosi film prodotti negli ultimi anni come il recente Il Grinta dei fratelli Coen, già portato al cinema con successo da Henry Hathaway nel 1969 e con John Wayne protagonista.

I più celebri film western restano quelli americani e italiani. Nato infatti come genere negli Stati Uniti, il western ha poi avuto un importante ruolo nel nostro paese, tanto da far nascere la definizione di western all’italiana, o del più noto spaghetti western, filone molto amato da Quentin Tarantino. Solitamente ambientate nell’ovest americano dell’800, il western contempla generalmente la presenza di cowboy, combattimenti con gli indiani e bande di criminali. La conquista di ambienti poco esplorati, il così detto mito della Frontiera, l’amicizia virile, la presenza di codici d’onore e l’assenza di leggi, sono solo alcune delle ‘regole’ del genere in questione. Ecco di seguito un elenco, assolutamente non esaustivo, di alcuni tra i migliori film western americani e italiani.

Ombre Rosse

E’ uno dei registi che evocano maggiormente il genere western: John Ford, 4 Oscar alla regia durante la sua carriera da cineasta, porta nelle sale nel 1939 Ombre Rosse, un film considerato tra i migliori western di sempre. Nel cast troviamo Claire Trevor, John Wayne, Andy Devine, John Carradine e Thomas Mitchell. Siamo nella seconda metà dell’800 e una diligenza trasporta una prostituta, un dottore alcoolizzato, la moglie incinta di un ufficiale, un suddista rovinato, un banchiere ladro, un rappresentante di whisky e uno sceriffo. Ai sei, lungo un tragitto che attraversa un territorio occupato dagli Apaches di Geronimo, si aggiunge anche l’uomo ricercato dallo sceriffo. Presto la diligenza verrà attaccata dagli indiani.
 

Mezzogiorno di Fuoco

Diretto nel 1952 da Fred Zinnemann, Mezzogiorno di Fuoco vede nel cast Gary Cooper, Grace Kelly e Thomas Mitchell. Quattro i premi Oscar che la pellicola riuscì ad aggiudicarsi: miglior attore protagonista a Gary Cooper, miglior montaggio, miglior colonna sonora e miglior canzone. Il film vede lo sceriffo Willy Cane il quale si dimette dal suo incarico il giorno delle sue nozze con Amy. Cambia idea quando apprende che con il treno di mezzogiorno arriverà un bandito che aveva precedentemente arrestato per omicidio. Abbandonato da tutti affronterà da solo il criminale e i suoi complici.
 

Sentieri Selvaggi

Ancora John Ford per un altro capolavoro del genere western: Sentieri Selvaggi è datato 1956 e vede protagonisti gli interpreti John Wayne, Jeffrey Hunter, Vera Miles e Natalie Wood. Complesso e affascinante, la pellicola si è piazzata tra i primi posti della classifica dei migliori cento film statunitensi stilata dall’American Film Institute. Steven Spielberg ha dichiarato di rivedere Sentieri Selvaggi almeno una volta l’anno essendo uno tra i suoi film preferiti in assoluto.
 

Per un Pugno di Dollari

Con Per un Pugno di Dollari passiamo ad alcuni titoli provenienti dall’Italia, paese che ha dato un enorme contributo al genere western, tanto da far coniare il termine spaghetti western, sopratutto grazie al grande Sergio Leone che con questa pellicola inizia la sua trilogia del dollaro seguita da Per Qualche Dollaro in Più e Il Buono, il Brutto, il Cattivo. Ispirato a La Sfida del Samurai di Akira Kurosawa, il film vede protagonisti Clint Eastwood e Gian Maria Volonté con le immancabili musiche di Ennio Morricone. Al centro delle vicende un pistolero solitario che giunge in una cittadina al confine tra il Messico e gli Stati Uniti, dove è in corso da tempo la guerra tra due famiglie per il contrabbando di alcool e armi due famiglie. Il pistolero metterà gli uni contro gli altri con l’intento di farli eliminare a vicenda.
 

Il Buono, il Brutto, il Cattivo

Il Buono, il Brutto, il Cattivo viene distribuito nel 1966 ed è l’ultimo capitolo della trilogia del dollaro. E’ tra le più celebri pellicole del genere western e senz’altro il più famoso in assoluto dello spaghetti western. Ancora una volta l’interprete protagonista è Clint Eastwood assieme a Lee Van Cleef, Eli Wallach, Aldo Giuffré e Luigi Pistilli. Il film vede tre uomini senza scrupoli i quali, pur odiandosi a vicenda, si associano per riuscire a trovare un tesoro. Famosissima resta la colonna sonora firmata da Ennio Morricone.
 

C’era una Volta il West

Epica e bellissima pellicola di Sergio Leone del 1968, con C’era una Volta il West il regista apre una nuova trilogia: quella del tempo, completata da Giù la Testa del 1971 e C’era Una Volta in America del 1984. Grazie alla Paramount, i mezzi che Leone ha a disposizione sono superiori rispetto alle precedenti pellicole realizzate. Considerato come un immenso e splendido canto funebre nei confronti del genere western, C’era una Volta il West vede tra gli interpreti Charles Bronson, Henry Fonda, Claudia Cardinale, Jason Robards, Gabriele Ferzetti e Paolo Stoppa.
 

Il Mucchio Selvaggio

E’ il 1969 e William Holden, Ernest Borgnine, Warren Oates, Robert Ryan e Edmond O’Brien sono gli interpreti de Il Mucchio Selvaggio, una pellicola diretta da Sam Peckinpah, regista che resta celebre per la violenza come tematica prevalente dei suoi film e per il particolare stile registico adottato, ricco di ralenti e montaggi frenetici. Da lui hanno tratto ispirazione numerosi importanti cineasti come Martin Scorsese, Tarantino e John Wo. Al centro del film Pike Bishop e la sua banda reduci da una rapina. Si accorgono presto di essere inseguiti da alcuni cacciatori di taglie. Famosissima resta la violenta scene finale del massacro.
 

Butch Cassidy

I due amici Butch Cassidy e Sundance Kid, sono specializzati in rapine. Inseguiti da poliziotti, decidono di scappare in Bolivia. Una volta arrivati, Kid ha intenzione di proseguire il mestiere, ma trova un brullo paesaggio e dopo una rapina di poco conto, si ritrovano braccati dalla polizia locale. Si rifugiano in un vecchio casolare abbandonato. Accerchiati, decidono di non farsi prendere vivi, e si lanciano in un sparatoria senza scampo. Alla regia di Butch Cassidy c’è George Roy Hill, gli interpreti sono Paul Newman, Robert Redford e Katharine Ross. Quattro premi Oscar per questa pellicola incentrata su due banditi realmente esistiti.
 

Gli Spietati

Concludiamo la nostra piccola ricognizione sui più belli film western americani e italiani con una pellicola di Clint Eastwood: Gli Spietati. Candidato a nove statuette, il film se ne portò a casa quattro: miglior film, miglior regia, miglior attore non protagonista a Gene Hackman e miglior montaggio. Oltre ad Hackman troviamo tra gli interpreti Morgan Freeman, Richard Harris, Frances Fisher e lo stesso Eastwood.

Segui NanoPress
Pubblicato in: Film Western, Cinema
torna su
NANOPRESS MOBILE

Scarica gratis l'applicazione NanoPress dall'App Store

IPHONE IPAD