Morgan condannato per oltraggio a pubblico ufficiale: insultò i poliziotti che arrestavano il pusher

da , il

    Morgan condannato per oltraggio a pubblico ufficiale: insultò i poliziotti che arrestavano il pusher. Il cantante e giudice di X Factor ha ottenuto la sospensione della pena per i fatti che risalgono a quattro anni fa: era infatti il 2011 quando Morgan, rivolto agli agenti, aveva detto loro ‘Avete rotto i c…, state sempre sotto casa mia, andate ad arrestare i trafficanti, che qui trovate poca roba‘. Il Tribunale di Monza ha anche stabilito che Morgan dovrà versare ai due agenti un risarcimento di 2 mila euro a testa.

    Morgan, alias Marco Castoldi, è stato condannato a tre mesi di reclusione con sospensione della pena, per oltraggio a pubblico ufficiale: il cantante dovrà anche pagare 4.000 euro ai due agenti offesi mentre in borghese stavano arrestando uno spacciatore uruguaiano di trentacinque anni, sorpreso con tre grammi di cocaina, arrestato (sembra non per la prima volta) con l’accusa di spaccio di stupefacenti e in seguito assolto. Secondo la ricostruzione degli agenti, Morgan – da cui il pusher stava andando – li avrebbe invitati a non rompere le scatole e ad andare altrove ad arrestare i trafficanti: non solo, il cantante e giudice di X Factor si sarebbe messo davanti all’auto di servizio cominciando ad inveire e invitando i due agenti ad andare a quel paese.

    Della vicenda si era già parlato anni fa: poco prima di questo episodio, Morgan aveva ammesso di fare uso quotidiano di stupefacenti (cosa che ne aveva provocato la cacciata dalla Rai)): ‘Faccio uso quotidiano e regolare di cocaina fumata in basi (crack). La droga apre i sensi a chi li ha già sviluppati, e li chiude agli altri. Io non uso la cocaina per lo sballo, a me lo sballo non interessa. Lo uso come antidepressivo. Avercene di antidepressivi come la cocaina…fa bene. Anche Freud la prescriveva‘.

    Il cantautore ex frontman dei Bluvertigo (che torneranno per il concertone del primo maggio a Roma) ha ora 15 giorni di tempo per appellare la sentenza del giudice Federica Centonze. Caduta, invece, l’accusa di favoreggiamento:a salvare Morgan, il fatto che il sudamericano che portava con sè la sostanza stupefacente è stato assolto dall’accusa di spaccio.