NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vip complottisti: i personaggi famosi che credono alle scie chimiche e altre bufale

Vip complottisti: i personaggi famosi che credono alle scie chimiche e altre bufale

    Vip complottisti, ma quanti ce ne sono? Dai vaccini alle scie chimiche, che siano italiani o stranieri, sono tante le celebrità che credono alle bufale più o meno smascherate. Uno dei vip nostrani è Eleonora Brigliadori: se un paio di anni fa confessava di aver sconfitto il cancro senza cure né esami invasivi né chemioterapia, oggi mette in discussione i vaccini. Nel 2007 si era detta convinta della validità della Nuova Medicina Germanica, una forma di medicina alternativa elaborata dal medico tedesco Ryke Geerd Hamer, secondo cui ogni patologia, incluso il cancro, dipenda da traumi emotivi o conflitti irrisolti di qualche tipo.

    La vip complottista più famosa è Romina Power, da sempre dedita all’ambientalismo e da qualche mese idolo (o ‘vittima’ del web) per il suo ‘Un messaggio’, dedicato al tema delle scie chimiche. ‘Non vogliamo più che vinca la paura, non vogliamo scie chimiche nel cielo blu’, canta l’ex moglie di Albano, che ancora prima si era impegnata sul tema dell’infuenza suina, scrivendo all’allora ministro della salute: ‘Sia il vaccino che la stessa epidemia A/H1N1 sarebbero armi biologiche deliberatamente utilizzate per la riduzione della popolazione mondiale’.

    Stamina non è propriamente una bufala, ma è comunque un tema che ha diviso gli italiani: molti vip – quantomeno sulle prime – si sono schierati in difesa del metodo inventato da Davide Vannoni. Tra gli altri, Adriano Celentano (che dai microfoni de Le Iene aveva tra l’altro invitato gli italiani a ‘Seppellire di messaggi questo ministero della Salute che condanna senza pietà una bambina di tre anni’), Rosario Fiorello, Leonardo Pieraccioni e Gina Lollobrigida.

    Tornando alle scie chimiche, il primo a parlarne in Italia è stato probabilmente Piero Pelù: era il 2008 quando, ospite di Fabio Fazio, faceva promettere al conduttore che ‘Prima o poi parlerete delle scie chimiche’, e ancora nel 2013 si chiedeva dalla sua pagina di facebook se le scie chimiche fossero naturali o meno e se nascondessero segreti militari. Ultimamente il nostro sembra essersi dimenticato di questo problema… che sia meglio così?

    [multipage]

    Ma sono tanti i vip nostrani convertiti al combattimento delle scie chimiche: tra questi Red Ronnie, storico conduttore di Roxy Bar, che fotografa cieli ‘rigati’ e si chiede se tutto questo sia naturale. Ultimi arrivi – in questo 2015 – Giuseppe Povia, già vincitore di Sanremo, e Luca Carboni, che il due aprile, forse con un giorno di ritardo, si chiedeva se le scie chimiche fossero vere.

    In realtà quello di Povia è un ritorno di ‘fiamma’: già qualche anno fa il nostro denunciava la relazione tra gli esperimenti nucleari e i terremoti (causati anche dallo spostamento di troppe persone in un piccolo spazio, vedi i Mondiali di Calcio 2006 e più precisamente la finale Francia-Italia), mentre ad inizio marzo ha deciso di dare una decisa svolta alla sua carriera complotti sta con Chi comanda il mondo, una canzone-video-denuncia per ‘questa dittattura finanziaria europea e mondiale. Con la speranza che tutti ne prendano coscienza e chi già sa, cominci a fare qualcosa’. Tra gli estimatori, Pelù.

    Anche all’estero non mancano casi di vip complottisti: su tutti, Billy Corgan degli Smashing Pumpkins, che da anni nega l’esistenza dei cambiamenti climatici, propaganda l’anti-vaccinismo e conferma l’esistenza delle scie chimiche. Un po’ di confusione sotto il cielo?

    Un altro vip convinto dell’esistenza delle chem-trails è Prince: in ‘Dreamer’, aka sognatore, il cantante canta ‘Mentre l’elicottero gira in cerchio su di noi questa teoria sta diventando profonda/pensa che stanno spargendo sostanze chimiche sulla città mentre dormiamo‘. Prince Rogers Nelson, questo il suo vero nome, ha ammesso di essere stato influenzato dal comico Dick Gregory.

    Probabilmente la più complottista di tutte le star è però la premio Oscar 2008 quale miglior attrice protagonista di La vie en rose: Marion Cotillard è (o comunque era) convinta che gli attentati dell’11 settembre fossero stati fatti dall’America per non pagare le spese di ristrutturazione delle Torri Gemelle, mentre non crede che l’uomo sia mai andato sulla luna.

    Altri attori famosi che sono anche complottisti, Jim Carrey e Jenny McCarthy, ex marito e moglie che sostengono le tesi di correlazione tra vaccini ed autismo; più innocuo Ashton Kutcher, che si limitava a credere – come tanti suoi colleghi – alla fine del mondo profetizzata dai Maya.

    1274

    PIÙ POPOLARI