NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Franco Battiato: canzoni più belle per festeggiare i suoi 70 anni

Franco Battiato: canzoni più belle per festeggiare i suoi 70 anni
da in Cantanti, Canzoni, Musica, Musica Italiana, Spettacoli, Franco Battiato
Ultimo aggiornamento: Lunedì 23/03/2015 10:21

    Franco Battiato canzoni più belle

    Il 23 marzo 2015 festeggiamo i 70 anni di Franco Battiato con le sue canzoni più belle, scritte e composte nel corso di una carriera lunga e luminosa che lo ha posto nell’olimpo dei grandissimi cantautori della musica leggera italiana, insieme ai vari De André, Guccini, Gaber, Dalla, De Gregori e così via. E’ anche l’occasione per fare a Franco Battiato gli auguri di pronta guarigione dopo la caduta di qualche giorno fa sul palco di Bari che gli ha procurato la rottura del femore. Buon compleanno Maestro!

    L’Era del Cinghiale Bianco è un brano di Franco Battiato tratto dall’album omonimo del 1979. Fa riferimento alla tradizione Indù, secondo cui l’era del cinghiale bianco è un’età mitologica e magica durante la quale ogni uomo raggiunge la conoscenza assoluta in senso spirituale.

    Bandiera Bianca è un brano di Franco Battiato tratto dall’album La Voce del Padrone del 1981. Si tratta di una critica che prende di mira alcuni degli aspetti da lui considerati i più immorali della società dell’epoca, quali il terrorismo, la politica e l’eccessiva dipendenza del denaro.

    Anche Centro di Gravità Permanente è un brano di Franco Battiato tratto dall’album La Voce del Padrone del 1981. La canzone fa riferimento a un senso di smarrimento provato da Battiato e il ‘centro di gravità’ è un luogo intimo dove il cantautore siciliano spera di trovare stabilità.

    Cuccurucucù è un altro brano di Franco Battiato tratto dall’album La Voce del Padrone del 1981. Cita diverse altre canzoni tra cui, soprattutto, Cucurrucucú Paloma di Tomas Mendez, ma anche Lady Madonna e With a Little Help from My Friends dei Beatles e molte altre.

    Voglio Vederti Danzare è un brano di Franco Battiato tratto dall’album L’Arca di Noè del 1982. Esistono versioni della canzone anche in inglese e spagnolo intitolate rispettivamente ‘I want to see you as a dancer’ e ‘Yo quiero verte danzar’.

    E Ti Vengo a Cercare è un brano di Franco Battiato tratto dall’album Fisiognomica del 1988 che segnò il ritorno alla musica leggere del cantautore catanese dopo qualche anno dedicato all’opera lirica.

    La Cura è un brano di Franco Battiato (scritto con il filosofo Manlio Sgalambro) tratto dall’album L’Imboscata del 1996. Nel testo Battiato si rivolge a una persona amata, esortandola alla guarigione facendo leva sul potere terapeutico della musica e delle parole.

    Il Ballo del Potere è un brano di Franco Battiato tratto dall’album Gommalacca del 1998, considerato uno dei cd più sperimentali dell’artista, con varie sonorità mescolate tra loro quali la techno e l’hard rock, nonché il frequente uso del loop.

    La Canzone dei Vecchi Amanti è un brano di Franco Battiato tratto dall’album Fleurs del 1999, cover dell’originale ‘La chanson des vieux amants’ scritta da Jacques Brel.

    Inneres Auge è un brano di Franco Battiato tratto dall’album Inneres Auge – Il tutto è più della somma delle sue parti del 2009, composto da due pezzi inediti, da cover e nuove versioni di canzonii edite precedentemente.

    736

    PIÙ POPOLARI