Fabio Volo papà, secondo figlio con Johanna Hauksdottir

da , il

    Fabio Volo di nuovo papà, secondo figlio in arrivo per l’autore e speaker e la compagna Johanna Hauksdottir: la coppia è stata paparazzata per le vie di Milano e, complici le temperature primaverili, la giacca aperta di lei ha lasciato intravedere un pancino sospetto. Come dicevamo, se la gravidanza di Hauksdottir fosse confermata, si tratterebbe della seconda cicogna per i due fidanzati, visto che quasi un anno e mezzo fa è nato già Sebastian.

    Nuovo figlio (o figlia) in arrivo per Fabio Volo e la fidanzata Johanna Hauksdottir: dopo Sebastian, nato 16 mesi fa, la coppia è stata paparazzata da Diva e Donna e lei, con il cappotto aperto, lascia intravedere un pancino sospetto. Le dichiarazioni a corredo delle foto sembrerebbero essere esplicite: ‘Ora sono innamorato della vita da padre: vorrei altri cinque bambini. Sono innamorato di questa vita da papà. Mio figlio mi segue ovunque, io sono stanco morto, ma è bellissimo. Voglio fare altri cinque bambini’.

    Fabio Volo e l’islandese Johanna Hauksdottir, un’istruttrice di pilates conosciuta in una palestra di New York, sono fidanzati dal 2011: nonostante i 12 anni di differenza, i due sono molto uniti. Nel 2013 è nato il loro primo figlio, Sebastian: l’annuncio del sesso del nascituro venne dato a Che tempo che fa. In quell’occasione si era anche parlato di un matrimonio imminente, ma la coppia (che si divide tra Milano e New York) non è ancora convolata a giuste nozze.

    Dopo anni di ‘spensieratezza’, comunque, lo scrittore e conduttore radiofonico ha messo la ‘testa a posto’: ‘Ho smesso di dedicare tutta l’attenzione al mio ombelico: sono uscito da me stesso, e così mi sono aperto all’altro’, confessava qualche tempo fa. Non si segnalano, invece, cambiamenti di pensieri sul tema matrimonio, anche se le dichiarazioni sulle nozze non sono molto incoraggianti: ‘Una coppia che decide di sposarsi mi fa lo stesso effetto di due persone che decidono di comprarsi una carrozza con i cavalli’, aveva tra l’altro spiegato, aggiungendo di vivere ogni storia momento per momento.