Jovanotti, Gli Immortali: testo del nuovo singolo da Lorenzo 2015 CC

da , il

    Due giorni dopo l’uscita dell’album Lorenzo 2015 CC. è già tempo del nuovo singolo di Jovanotti, Gli Immortali, in radio dal 27 febbraio 2015 per tentare di bissare il clamoroso successo di Sabato, il precedente estratto che è rimasto sette settimane consecutive in testa alla classifica delle canzoni più trasmesse dalle emittenti radiofoniche italiane e che ha collezionato oltre quattro milioni di click su Youtube. Il testo di Gli Immortali è già entrato in testa a migliaia di fan, che non vedono l’ora di cantarla a squarciagola durante uno degli adrenalinici live del cantante.

    Per lo stesso Jovanotti, Gli Immortali è una traccia particolarmente significativa, anche perché è la numero 8 dell’album (e la traccia numero 8, da tradizione, è importantissima) e, come ha spiegato l’artista, ‘parla di quel momento lì… di quell’attimo in cui… di quel brivido, di quella cosa che ci succede in certi passaggi della vita. Dell’essere vivi e di esserlo adesso’.

    Intanto l’altro giorno, durante l’affollatissima conferenza stampa di presentazione del nuovo album, il cantante toscano ha spiegato la genesi di Lorenzo 2015 CC., un disco che ha definito ricco e innovativo, un giro ‘sulle montagne russe delle emozioni‘ ben rappresentato dalla copertina del disco, dove Jova indossa una pettorina da motocross: un’armatura da poco, non una cosa da supereroe o da guerriero, una bardatura per il fuoristrada, ma pur sempre una protezione. E per Jovanotti ogni protezione è allo stesso tempo una dichiarazione di attacco e una rappresentazione della propria fragilità. ‘Il grande saggio/mistico che si mette nudo dichiara la sua invincibilità‘, ha precisato Lorenzo, ‘invece quella tuta da motocross, come un’armatura, dichiara la fragilità, la vulnerabilità, che è quello di cui parla questo album‘.

    Lorenzo 2015 cc. ha richiesto un anno di lavoro per la creazione di ben 30 nuove canzoni. L’album è stato prodotto tra Milano, Cortona, Parigi, New York e Los Angeles, insieme a Michele Canova Iorfida. Ogni singolo brano è nato grazie alle idee di vari musicisti e collaboratori, che hanno mescolato mondi diversi che passano dal funk alla dance, dall’elettronica al samba tradizionale, dal pop al rock, dalle ballad al tango, dall’afro beat al soul, dai mariachi al synth-pop, dall’hip hop al glam rock.

    Alcuni brani del nuovo album di Jovanotti, Gli Immortali in prima istanza come primo singolo selezionato, li potremo ascoltare dal vivo durante il nuovo Tour 2015 negli stadi che prenderà il via a giugno. Previsti spettacoli nei maggiori stadi italiani con la chicca dei tre show consecutivi a San Siro (i primi due sono già sold out).

    Jovanotti, Gli Immortali: testo della canzone

    Sotto la curva del cielo

    in un applauso di stelle

    ho salutato la mia gioventù

    per ritornare bambino

    procedendo in avanti

    senza passare dalla saggezza

    masticando una gomma

    al gusto di bicicletta

    che non finisce mai

    neanche se te ne vai

    e lo ridico ancora

    per impararlo a memoria

    in questi giorni impazziti

    di polvere e di gloria

    e lo ripeto ancora

    fino a strapparmi le corde vocali

    ora che siam qui

    noi siamo gli immortali

    Seduta dentro a un aereo

    con il biglietto di un’altra

    hai salutato la tua classe di eroi

    per fare il grande salto

    per diventare la donna che sei

    attraversando oceani di sguardi

    senza passare dalla tristezza

    innamorandoti dei bugiardi

    masticando una gomma

    al gusto di dopobarba

    che non finisce mai

    tra mezzanotte e l’alba

    e lo ridico ancora

    per impararlo a memoria

    in questi giorni impazziti

    di polvere e di gloria

    e lo ripeto ancora

    fino a strapparmi

    le corde vocali

    ora che siamo qui

    ahhhh

    noi siamo gli immortali

    E hai disegnato a colori

    il mondo che hai immaginato

    te ne vai in giro a fare tentativi

    finché non avrà combaciato

    e fai il lavoro sporco

    per non far finta di essere pulito

    hai qualche superpotere

    da usare contro il nemico

    masticando una gomma

    al sapore di infinito

    che non finisce mai

    che non finisce mai

    non so se si è capito

    e lo ridico ancora

    per impararlo a memoria

    in questi giorni impazziti

    che qui si fa la storia

    e lo ripeto ancora

    fino a strapparmi

    le corde vocali

    ora che siamo qui

    ora che siamo qui

    ora che siamo qui

    ahhh ahhhh

    noi siamo gli immortali

    na na na na naaaaaa

    noi siamo gli immortali

    na na na na naaaaaa

    ora che siamo qui

    na na na na naaaaaa

    ora che siamo qui

    na na na na naaaaaa

    ora che siamo qui.