Rakele, ‘Io non lo so cos’è l’amore’: intervista alla Nuova Proposta di Sanremo 2015

Rakele, ‘Io non lo so cos’è l’amore’: intervista alla Nuova Proposta di Sanremo 2015
da in Cantanti, Festival di Sanremo 2016, Musica, Sanremo 2015, Spettacoli, Televisione
Ultimo aggiornamento:
    Rakele, ‘Io non lo so cos’è l’amore’: intervista alla Nuova Proposta di Sanremo 2015

    Con la canzone Io non lo so cos’è l’amore, Rakele è in gara al Festival di Sanremo 2015 tra le Nuove Proposte. A una manciata di giorni dall’inizio della sessantacinquesima edizione della kermesse, NanoPress ha incontrato Rakele – nome d’arte di Carla Parlato – per conoscere questa giovane napoletana, non ancora ventenne, ma già rodata in termini di studio, di gavetta e dalle idee molto chiare. Di seguito l’intervista integrale.

    Racconta in tre aggettivi ‘Io non lo so cos’è l’amore’.

    Pioggia luminosa, verità, emozione.

    Il brano è stato scritto insieme a Bungaro e Cesare Chiodo: come è nata la collaborazione?

    Circa un anno e mezzo fa ho conosciuto Tony Bungaro e Cesare Chiodo ad uno stage di Bungaro. Ho avuto la possibilità di far conoscere il mio mondo musicale che loro hanno trovato interessante. Abbiamo lavorato e sperimentato un po’ di cose, fino ad arrivare alla costruzione di un progetto discografico vero e proprio. In studio c’è tanto lavoro, ma anche tanto divertimento. Siamo una bella squadra.

    Parafrasando la tua canzone, cos’è per te l’amore?

    Credo che l’amore sia il motore della vita. Sono sicura che un giorno mi troverà e mi farà delle domande. Non mi farò trovare impreparata.

    Hai scelto di farti conoscere come Rakele, ma, in realtà, ti chiami Carla.

    A cosa o a chi ti sei ispirata per il tuo nome d’arte?

    Mi sono ispirata a me stessa. Avrei dovuto chiamarmi Rachele, non Carla. Quando ho avuto la possibilità di scegliere un nome d’arte ho subito scelto Rakele senza ombra di dubbio.

    Tra un paio di settimane calcherai per la prima volta il palco di Sanremo: un sogno che si realizza?

    Spero sia solo l’inizio del mio grande sogno.

    E’ la prima volta che provi a partecipare o ci avevi già provato in passato?

    No, mai.

    Se non si fossero aperte le porte dell’Ariston, avresti partecipato ai casting per X Factor o The Voice?

    Probabilmente avrei continuato a fare musica per conto mio, avrei approfittato per imparare a suonare uno strumento.

    Quando uscirà l’album?

    Lo deciderò con la mia casa discografica (Carosello Records, ndr), non si sa ancora.

    Con chi vorresti collaborare/duettare?

    Mi piacerebbe tanto duettare con Jovanotti.

    Cosa ti aspetti dal Festival?

    Vorrei lasciare il segno con la mia musica.

    466

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CantantiFestival di Sanremo 2016MusicaSanremo 2015SpettacoliTelevisione
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI