Stevie Wonder, papà per la nona volta a 64 anni: è nata Nia

da , il

    Stevie Wonder papà di tre gemelli

    Stevie Wonder, a 64 anni, è di nuovo papà, per la nona volta. La compagna Tomeeka Robyn Bracy ha partorito Nia. L’annuncio è stato dato alla stampa dal portavoce del cantante: si tratta della seconda figlia della coppia. Smentite quindi le voci che si trattasse di un parto gemellare: il Post, magazine americano, aveva annunciato che la compagna di Stevie Wonder avrebbe dato alla luce tre gemelli. E’ stato l’artista, durante un’intevista, a dire la verità ai suoi numerosi fan. Adesso può godersi l’arrivo di un’altra figlia: un evento che alla sua età è di certo da festeggiare.

    64 anni e non sentirli: il grande Stevie Wonder, all’anagrafe Stevland Hardaway Morris, è diventato papà per la nona volta. Il grande cantante ha accolto l’arrivo di Nia con immensa gioia. Dopo essere stato ospite al talk The View, dove ha precisato che non sempre tutte le voci che si dicono in giro sono vere, riferendosi alla errata news circa un parto trigemellare, Wonder ha lasciato al suo portavoce il compito di dare il lieto annuncio. La piccola arriva a dare compagnia alla sorella, primogenita della coppia, nata un anno fa circa, a quanto risulta dalle indiscrezioni della stampa americana, e agli altri sette fratelli. Stevie Wonder ha alle spalle due matrimoni, e una relazione di breve durata con la segretaria dalla quale è nata la numerosa prole dell’artista, amatissimo in tutto il mondo. Non ci resta che fare gli auguri a questo papà super, e chiderci se il cantante non voglia arrivare alla cifra tonda di dieci, oppure abbia deciso di fermarsi qui!

    Aggiornamento del 18 dicembre 2014 a cura di Francesca Ajello

    Stevie Wonder, futuro papà di tre gemelli a 64 anni

    Stevie Wonder presto papà! Di nuovo. L’artista non vedente ha compiuto 64 anni ma sta per diventare ancora una volta padre, di ben tre gemelli. La compagna Tomeeka Robyn Bracy è infatti incinta e metterà al mondo una bella tripletta. Il re del soul ha già otto figli al seguito, avuti da cinque donne diverse, e con gli ultimi in arrivo salirà a quota undici. Eppure, amici di famiglia giurano che Wonder ricopra il proprio ruolo genitoriale alla perfezione, essendo sempre molto presente e premuroso. E, a quanto pare, è proprio questo il segreto della sua felicità.

    Sessantaquattro anni e non sentirli. Stevie Wonder ha scoperto la formula dell’eterna giovinezza e consiste nel mettere al mondo quanti più figli possibile. Così dicono fonti vicine alla star, la cui felicità risiederebbe proprio nel fatto di essere circondato da una famiglia numerosa. Negli ultimi quarant’anni Wonder si è dato molto da fare, non solo musicalmente ma anche da un punto di vista strettamente personale: sono ben cinque le donne che si sono alternate al suo fianco e che l’hanno reso padre di otto figli.

    L’artista si sposò nel 1970 con la cantautrice Syreeta Wright, ma i due divorziarono dopo due anni e non ebbero figli. Nel 1975 nacque la primogenita di Wonder, Aisha, frutto di una relazione con la segretaria Yolanda Simmons. La bimba ispirò il singolo ‘Isn’t She Lovely’ e dopo la sua nascita Wonder dichiarò: ‘E’ stata la sola cosa di cui la mia vita artistica e privata hanno avuto bisogno, per un tempo davvero lungo’.

    Nel 2001, Stevie Wonder si è sposato nuovamente nel 2001 con la fashion designer Kai Millard Morris, che l’ha reso padre di Kailand e Mandla. La coppia si è separata nel 2009 e ha divorziato nel 2012. Il rapporto è andato in frantumi presumibilmente per l’infedeltà di Wonder, che nel frattempo ha messo al mondo altri quattro figli.

    Attualmente è fidanzato con la quarantenne Tomeekah Robyn Bracy, che ha solo un anno in più della sua primogenita. I due sono già genitori di una bimba, nata lo scorso anno, ma della piccola si sa poco e niente. Adesso la casa si riempirà di altri tre bambini, ma per l’artista non è un problema. Come dicono gli amici, col tempo ha imparato ad essere un padre presente e premuroso e cercherà di esserlo anche per i futuri eredi, a dispetto dell’età che avanza.