Mango, canzoni più belle: 15 brani per ricordare il cantautore scomparso

Mango: le 15 canzoni più belle per ricordare il cantautore scomparso il 7 dicembre 2014 a soli 60 anni causa di un infarto.

da , il

    La maniera migliore per commemorare il cantante Mango è ricordare le sue canzoni più belle che hanno segnato oltre trent’anni di musica italiana. Da Oro, il primo grande successo datato 1984 (quando però aveva già pubblicato tre album e scritto pezzi per Patty Pravo e Mia Martini), ai grandi successi sanremesi con Il Viaggio (Premio della Critica nel 1985) e Lei Verrà, alla splendida hit estiva Bella d’Estate e a La Rondine, una delle migliori canzoni di Mango. Riscopriamole tutte.

    Oro (1984)

    Oro, la canzone che Mango stava cantando quando si è sentito male durante il fatale concerto di Policoro, è stato anche il suo primo grande successo da classifica. La musica è dell’artista lucano mentre il testo è di Mogol. Uscita come 45 giri nel 1984, Oro venne poi inserita nell’album Odissea del 1986.

    Il Viaggio (1985)

    Nel 1985 con Il Viaggio Mango partecipò per la prima volta al Festival di Sanremo nella sezione nuove proposte, la prima di sette partecipazioni. Il brano non ebbe fortuna in gara ma attirò l’interesse dei giornalisti che gli attribuirono il Premio della Critica per i giovani.

    Australia (1985)

    Insieme a Il Viaggio, Australia è stata la canzone simbolo dell’album omonimo stampato nell’85 e diventata col tempo un grande classico sia delle raccolte che delle performance live di Mango, nonché una delle canzoni più amate dai fan. Il testo è di Mogol.

    Lei verrà (1986)

    Nel 1986 Mango si ripresentò a Sanremo ma stavolta nella categoria Big con la canzone Lei Verrà, destinata a diventare, nonostante il 14° posto finale, una delle sue canzoni più belle, insieme a Bella d’Estate e a La Rondine. Lei Verrà vendette oltre 150.000 copie e conquistò il disco d’oro.

    La Rosa dell’Inverno (1986)

    In Odissea, il quinto album di Mango che tra le varie canzoni conteneva l’appena citata Lei Verrà, c’è anche La Rosa dell’Inverno, un altro grande classico del cantautore. Un brano un po’ malinconico ma molto apprezzato.

    Bella d’estate (1987)

    La calda estate del 1987 fu contrassegnata da tante hit internazionali ma anche dalla suggestiva melodia di Bella d’Estate di Mango, scritta con Lucio Dalla e inserita nell’album Adesso, tanto che ancora oggi viene considerata una delle canzoni italiane più rappresentative degli anni ’80.

    Nella Mia Città (1989)

    Nella Mia Città è il brano trainante nonché la prima traccia dello strepitoso album Sirtaki che vendette oltre mezzo milione di copie (contando quelle vendute solo in Italia) consacrando Mango uno dei più grandi artisti dell’intero Mediterraneo.

    Tu… sì (1990)

    Nel 1990 Tu… Sì segnò la quarta partecipazione di Mango al Festival di Sanremo (la terza era stata nell’87 con Dal Cuore in Poi). Come è quasi sempre successo la canzone non fu capita dalle giurie ma spopolò nella classifica dei singoli entrando nella top-30 di fine anno.

    Come Monna Lisa (1990)

    Altro pezzo celeberrimo tratto dall’album Sirtaki è la splendida Come Monna Lisa, una delle grandi hit dell’anno in Italia (e non solo) e da allora inserita in tutti i greatest hits del cantautore lucano. Anche il testo di Come Monna Lisa porta la firma di Mogol.

    Mediterraneo (1992)

    Il Mango degli anni ’90 era un incredibile collezionista di successi: per esempio l’album Come L’Acqua pubblicato nel 1992 vendette oltre 400.000 copie e conquisto cinque dischi di platino. E la bellissima Mediterraneo fu il brano simbolo del disco.

    Giulietta (1994)

    Altro capitolo fondamentale della carriera di Mango, Giulietta segnò infatti l’inizio della sua proficua collaborazione con il poeta e paroliere Pasquale Panella, già sodale dell’ultimo Battisti. La canzone è la prima traccia dell’album Mango uscito nel 1994.

    Dove vai (1995)

    Con Dove Vai Mango tornò al Festival di Sanremo dopo cinque anni classificandosi 11° ma vincendo il premio per il miglior arrangiamento. Il pezzo è l’unico inedito dell’omonimo album live uscito nel 1995, il primo della discografia dell’artista di Lagonegro.

    Luce (1998)

    Altro bellissimo pezzo di Mango, Luce venne presentata al Festival di Sanremo 1998 in coppia con la cantante Zenima e inserita nella ristampa dell’album Credo, pubblicato nel 1997. Esiste una versione del brano interpretata in inglese.

    La Rondine (2001)

    La Rondine è stata forse l’ultimo grande successo commerciale di Mango: inserita nella tracklist dell’album Disincanto, pubblicato poi nel 2002, fu tra i trenta singoli più venduti in Italia di quell’anno e toccò come picco più alto il settimo posto in classifica.

    Chissà se nevica (2007)

    La settima e ultima partecipazione di Mango al Festival di Sanremo coincise con la pubblicazione del bel singolo Chissà Se Nevica (5° posto finale, il suo miglior risultato al Festival) e con l’uscita del nuovo album L’Albero delle Fate, disco d’oro.