NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Canzoni più belle del 2014 secondo la rivista inglese NME: vincono i Future Islands

Canzoni più belle del 2014 secondo la rivista inglese NME: vincono i Future Islands

    Canzoni più belle del 2014 NME

    Visto il periodo iniziano a circolare le solite classifiche di fine anno e così il celebre settimanale inglese NME ha pubblicato la lista delle canzoni più belle del 2014. Ovviamente, dato che la rivista si rivolge soprattutto agli appassionati del genere indie-rock, la graduatoria comprende artisti in gran parte riconducibili a questa sfera musicale. Ma nelle prossime settimane avremo senz’altro occasione di pubblicare classifiche decisamente più ‘mainstream’.

    Future Islands

    Per la redazione di New Musical Express, la canzone più bella del 2014 è Seasons (Waiting On You) dei Future Islands, brano tratto dall’ultimo album Singles della synth-pop band di Baltimora. Del resto tutto il disco, pubblicato lo scorso marzo (quando suonarono al Late Show with David Letterman), ha ricevuto ottime critiche.

    Caribou

    Al secondo posto c’è Can’t Do Without You del canadese Caribou, al secolo Daniel Snaith, uno dei nomi di grido dell’elettronica. Il brano fa parte dell’album Our Love, il settimo della sua discografia, che Caribou ha promosso attraverso un tour mondiale che ha toccato anche l’Italia per tre indimenticabili date.

    Fat White Family

    Terzi in classifica i Fat White Family con Touch The Leather. Non è da tutti entrare in una classifica di fine anno con il primo singolo assoluto, e per di più sul podio di una delle riviste musicali più prestigiose d’Europa. Ma è quanto accaduto a questa irriverente e un po’ folle garage band londinese capitanata da Lias Saudi.

    The War On Drugs

    In quarta posizione c’è Red Eyes dei The War On Drugs, una rock band della Pennsylvania molto apprezzata in tutto il mondo. Il brano fa parte del loro terzo album Lost in the Dream, uscito all’inizio dell’anno, accolto molto bene sia dalla critica che dal pubblico (4° nella UK Indie Albums Chart, top ten in Belgio e Norvegia, 26° nella Billboard 200).

    Run The Jewels

    Alla 5 i Run The Jewels con Blockbuster Night, Pt. 1, primo singolo estratto dall’album Run the Jewels 2 del duo hip hop newyorkese composto dal rapper e producer El-P e dal rapper Killer Mike. Il disco, che contiene diverse collaborazioni di prestigio, ha toccato la sesta posizione della classifica americana Top Rap Albums.

    Kasabian

    Al sesto posto una band molto conosciuta anche al di fuori dell’ambiente indie: i Kasabian, che NME ha premiato inserendo in classifica la spumeggiante Eez-Eh, il primo singolo estratto dall’album 48:13. E’ un brano dalle forti sonorità dance anni ’90 intriso di funk e ska, mentre qualcuno lo ha definito un mix di trip hop, britpop e funk anni ’60.

    St Vincent

    Settima Digital Witness di Annie Erin Clark in arte St. Vincent, un’emergente cantautrice statunitense originaria di Tulsa, in Oklahoma. Il brano fa parte del suo ultimo album uscito a febbraio, acclamato dalla critica (5/5 dal Guardian e 4/5 da Rolling Stone) e piazzatosi piuttosto bene anche in numerose classifiche di vendita.

    Jamie T

    In ottava posizione della classifica delle canzoni più belle del 2014 secondo la rivista inglese NME, c’è Zombie del cantautore londinese Jamie T esploso nel 2007 con l’album Panic Prevention. Zombie fa invece parte del suo terzo disco Carry on the Grudge, pubblicato a fine settembre, salito fino alla top-5 della UK Album Chart.

    Royal Blood

    Alla 9 ecco Little Monster dei Royal Blood, il duo rock di Brighton formato da Mike Kerr e Ben Thatcher. Il loro album d’esordio, uscito ad agosto e intitolato semplicemente Royal Blood, ha ottenuto risultati pazzeschi per un gruppo esordiente, entrando direttamente al primo posto della classifica inglese.

    Mac DeMarco

    La top ten di NME si chiude con Chambers of Reflection di Mac DeMarco, giovane cantautore canadese che ha fin qui pubblicato quattro album l’ultimo dei quali è Salad Days, un disco che ha realizzato notevoli performance nelle classifiche di Billboard US Independent Albums (5° posto) e US Top Rock Albums (11° posto).

    1159

    PIÙ POPOLARI