Shadowhunters, dal film alla serie tv: la saga di romanzi approda sul piccolo schermo

da , il

    La saga di Shadowhunters continuerà a vivere, passando dal film alla serie tv. I fan dei libri firmati da Cassandra Clare accoglieranno questa notizia con somma gioia, dopo lo stop alla produzione della seconda pellicola tratta dai romanzi, City of Ashes. Chi si è appassionato alla storia di Clary, Jace e degli altri protagonisti, avrà quindi modo di vedere sullo schermo anche il resto delle loro avventure, con l’unica differenza che si tratterà di uno schermo televisivo. Pensandoci su, forse sarebbe stata la scelta più opportuna fin dall’inizio.

    Shadowhunters (The Mortal Instruments in originale) è una delle saghe urban fantasy più apprezzate a livello mondiale, con milioni di copie vendute e un seguito di accaniti lettori; il volume conclusivo della serie di romanzi, ‘La città del fuoco celeste’, è rimasto per settimane in testa alle classifiche.

    Quando la società di produzione Constantin Film ne acquistò i diritti per farne una trasposizione cinematografica, le aspettative sulla riuscita del progetto erano pertanto molto alte. E invece, probabilmente a causa di una concomitanza di fattori, il risultato è stato decisamente deludente: gli incassi statunitensi si sono fermati a 31 milioni di dollari, ben al di sotto delle cifre sperate.

    Il flop al box office ha messo una pietra sopra all’idea iniziale di portare sul grande schermo tutti i capitoli della saga, costringendo a stoppare la produzione del secondo film. Per i fan è stato un colpo molto duro, ma adesso si intravede la luce in fondo al tunnel. Il sito The Hollywood Reporter ha infatti lanciato lo scoop in merito alla realizzazione di una serie tv basata sui romanzi young adult in questione.

    Il progetto resta saldamente nelle mani della Constantin, che presumibilmente non vuole rinunciare a far fruttare i diritti acquistati. E ha ragione, perché gli ingredienti per il successo c’erano tutti, a cominciare da un una storia accattivante e da un fandom consistente e attivo sul web. Cos’è che non ha funzionato, allora? Nel complesso, la pellicola non ha affatto reso giustizia all’universo creato dalla Clare, risultando efficace solo a metà.

    Il responsabile della Constantin, Martin Moszkowicz, ha già arruolato lo sceneggiatore e produttore Ed Decter (The Client List, Helix, Unforgettable e In Plain Sight) per curare la trasposizione sul piccolo schermo e si dice fiducioso sull’esito:

    ‘Ha molto più senso sviluppare i romanzi come una serie televisiva. Ci sono così tante cose del primo volume che abbiamo dovuto lasciare fuori dal film di Shadowhunters, mentre la serie tv ci darà modo di scavare più in profondità ed esplorare questo mondo in modo più dettagliato.’

    Nulla ancora è stato deciso sul cast, se verrà confermato quello della pellicola o meno, nè è stato specificato se la serie tv riprenderà la narrazione degli eventi a partire dal termine del primo film o se invece si ricomincerà da capo.