Pink Floyd, The Endless River: tracklist e copertina del nuovo album

da , il

    Pink Floyd: 'The endless river', l'ultimo album

    Tutto confermato: il nuovo album dei Pink Floyd, The Endless River (tracklist e copertina li trovate più in basso), sarà pubblicato il 10 novembre 2014 in tre formati: standard cd, doppio vinile e deluxe-box. Si tratta del primo disco di inediti della leggendaria band dopo The Division Bell del 1994

    The Endless River (letteralmente ‘Il fiume senza fine‘) sarà quasi del tutto strumentale, ad eccezione del brano Louder Than Words il cui testo è stato scritto da Polly Samson, scrittrice e paroliere ma soprattutto moglie di David Gilmour, voce e chitarra dei Pink Floyd. L’album, per lo meno nella versione standard cd, si articolerà in quattro facciate con 18 brani che risalgono alle sessioni di The Division Bell, quando Gilmour, Nick Mason e Richard Wright avevano registrato una gran quantità di materiale solo parzialmente finito sull’album.

    Nel 2013 i due superstiti della band (i soli Gilmour e Mason, visto che Roger Waters, Live 8 a parte, non ha più nulla a che fare con i Pink Floyd dal lontano 1983) hanno rivisitato quel materiale constatando che ce n’era abbastanza per un nuovo disco, che va inteso come il giusto tributo allo scomparso tastierista Rick Wright.

    The Endless River è stato prodotto da David Gilmour, Phil Manzanera, Youth e Andy Jackson e includerà un booklet di 16 pagine con foto inedite tratte dalle registrazioni del ’93.

    Pink Floyd, The Endless River: tracklist (standard cd)

    Side 1

    Things Left Unsaid

    It’s What We Do

    Ebb and Flow

    Side 2

    Sum

    Skins

    Unsung

    Anisina

    Side 3

    The Lost Art of Conversation

    On Noodle Street

    Night Light

    Allons-y (1)

    Autumn ’68

    Allons-y (2)

    Talkin’ Hawkin’

    Side 4

    Calling

    Eyes to Pearls

    Surfacing

    Louder Than Words

    Pink Floyd, The Endless River: copertina

    Pink Floyd: nuovo album 2014 dal titolo The Endless River

    Articolo originale pubblicato il 7 luglio 2014

    Tutto ci saremmo aspettati tranne che nel 2014 sarebbe uscito un nuovo album dei Pink Floyd, dove per ‘nuovo’ intendiamo un cd di sole canzoni inedite, non la solita raccolta di vecchi successi o una delle tante riedizioni rimasterizzate. E invece accadrà per davvero, così come ha annunciato su Twitter la moglie di David Gilmour, la scrittrice Polly Samson.

    L’album sarà pubblicato a ottobre con il titolo The Endless River e conterrà brani tratti dalle registrazioni del 1994 per The Division Bell, l’ultimo disco di inediti della band. La Samson l’ha presentato come ‘il canto del cigno di Rick Wright‘, il tastierista dei Pink Floyd scomparso nel 2008.

    Si tratta dunque di canzoni composte vent’anni fa e mai utilizzate. Originariamente, sempre secondo la signora Gilmour, avrebbero dovuto essere delle registrazioni completamente strumentali, ma recentemente sono state aggiunte delle parti vocali, sia di Gilmour che di vari coristi tra cui la stessa Polly Samson. Tra l’altro ‘The endless river’ è anche la penultima frase di High Hopes, l’ultima traccia (bellissima) dell’abum del 1994, quasi a voler sottolineare il passaggio di testimone tra i due lavori.

    La notizia ha ovviamente scatenato la fantasia dei fan (ce ne sono ancora tantissimi in tutto il mondo) che tutt’al più si aspettavano nei prossimi mesi l’uscita degli album solisti di David Gilmour e di Roger Waters, non di certo un nuovo disco griffato Pink Floyd. E invece nel mese di ottobre vedranno sugli scaffali dei negozi (e negli store online) ciò che mai avrebbero immaginato di vedere ancora.

    Difficile invece, se non praticamente impossibile, immaginare una reunion band per un tour (mai dire mai, però). Gilmour non sembra essere granché interessato. Waters è ormai lontano dal gruppo da oltre trent’anni con la sola eccezione del Live 8 del 2005 e in ogni caso non c’entra nulla con il progetto The Endless River. Wright è passato a miglior vita. Solo Nick Mason ha più volte ammesso di avere la batteria vicino alla porta in caso di chiamata, ma ormai inizia a perdere le speranze anche lui. Insomma, meglio non contarci.