Miss Spagna Patricia Yurena fa coming out: ‘Sono gay’, la foto su Instagram

da , il

    Miss Spagna Patricia Yurena prima a fare coming out: gay in foto su Instagram con la compagna Vanessa Klein. A corredo della foto la didascalia “Romeo and Juliet” mostra la bellezza…dell’amore. Miss Spagna nel 2008 e Miss Universo nel 2013, ha così deciso di raccontare a tutti l’amore che ha per la sua lei, con un click. Una scelta senz’altro coraggiosa, a soli 24 anni, piena di autenticità e che pare sfidare le ipocrisie di una società per certi versi ancora bigotta verso il mondo gay.

    L’ha fatto sui social network: quello più in voga del momento, Instagram, che usa più immagini che parole, è stato ritenuto dalla modella il più “immediato” e spontaneo per dire al mondo di amare la sua compagna. Nessuna dichiarazione, nessuna serenata rap, nessun anello.

    Originaria delle Canarie, Patricia Yurena ha così stupito i tanti fans rigorosamente etero che le avevano messo gli occhi addosso grazie al concorso di bellezza nel 2008 e nel 2013. E’ così “uscita allo scoperto” dichiarando per immagini l’amore che ha per Vanesa Klein. Immediati i feedback positivi degli internauti, che hanno così coronato il sogno d’amore delle due:

    Che il vostro amore duri“, si legge in un commento. Poi, invece, c’è chi non ha apprezzato la scelta della modella spagnola: “è solo un modo per attirare l’attenzione“. Qualcun’altro è stato infastidito dal clamore che la cosa ha suscitato:

    La sola cosa sorprendente sul suo conto resta che è l’unica a essere stata incoronata due volte Miss Spagna“, si legge – ancora – tra i commenti sul social network. Non si è fatta attendere la risposta a tono di Patricia Yurena, che ha invocato la normalità della relazione con la Klein, che dura da oltre un anno:

    Si stupisce, infatti, che “Faccia ancora notizia. Ma capisco che sono la prima nel mio mondo. Spero che col tempo le cose cambino“, ecco perché vorrebbe che il suo gesto (la foto pubblicata), “spinga altre modelle e Miss a dichiararsi, a essere coraggiose, almeno in famiglia“.