Robin Williams, film e biografia dell’attore morto suicida

Robin Williams, film e biografia dell’attore morto suicida
da in Attori, Biografie, Cinema, Film, Robin Williams, Spettacoli, Televisione
Ultimo aggiornamento:

    Di Robin Williams ripercorriamo i film e la biografia. A comunicare la morte del noto attore è stata la Polizia di Marin County, in California. A quanto pare il servizio 911 di emergenza ha ricevuto una chiamata di qualcuno che chiedeva aiuto per un uomo che era incosciente e che aveva difficoltà respiratorie. Arrivati i soccorsi, l’uomo era già morto. Ancora la Polizia sta indagando sul caso, ma sono forti i sospetti che l’attore si sia suicidato. Secondo le fonti, negli ultimi tempi Robin Williams aveva a che fare con una grave depressione.

    Nel frattempo la famiglia ha chiesto che venga rispettata la privacy. La moglie Susan ha detto di avere il cuore spezzato e spera che Robin sia ricordato per i grandi momenti di gioia e di comicità che è riuscito a donare a milioni di persone.

    Robin Williams è nato a Chicago il 21 luglio del 1951. Apparteneva ad una famiglia benestante: il padre Robert era un dirigente della Ford Motors, la madre Laura era una modella. Il bambino si dedicò soprattutto agli studi e allo sport. L’infanzia di Robin si svolse nel Michigan, fino a quando nel 1967 la famiglia si trasferì in California. Qui Robin si diplomò nel 1971 e si iscrisse alla facoltà di scienze politiche, ben presto abbandonata per passare all’istituto di recitazione drammatica Juilliard School di New York.

    La sua formazione è stata prettamente teatrale e ha ottenuto una grande popolarità televisiva quando ha interpretato, negli anni ’70, il personaggio di Mork nella serie tv Mork & Mindy. Fra gli anni ’80 e ’90 è stato protagonista sul grande schermo, quando ha interpretato ruoli brillanti in film di notevole successo. Ha saputo svolgere con successo parti comiche, ma è stato capace anche di essere attore intenso in ruoli meno divertenti.

    Negli anni ’80 l’attore fece uso di cocaina e si trovò presente la tragica sera in cui morì un suo amico, John Belushi, ucciso da un’overdose.

    Nel 1988 colpì il suo divorzio dalla moglie Valerie, dalla quale aveva avuto un figlio. A quel tempo il gossip imperversò in maniera decisa, rivelando una sua relazione con la bambinaia del figlio, Marsha Garces. Nel 1989 sposò proprio lei e, insieme alla moglie, diede vita ad una compagnia di produzione, la Blue Wolf. Nel 2008 i due fecero sapere a tutti di non essere più sposati. L’attore si è poi sposato per la terza volta con Susan Schneider. Nel 2009 le sue condizioni di salute destarono preoccupazione in seguito ad un malore e all’operazione per la sostituzione della valvola aortica.

    Uno dei primi ruoli che Robin Williams interpretò al cinema è quello del 1980 in “Popeye – Braccio di Ferro“, di Robert Altman. L’anno seguente ha recitato nel film “Il mondo secondo Garp”. Qui si è distinto per la vasta gamma di variazione mimiche riuscite a mettere in atto. Poi ancora “Good Morning, Vietnam”, che gli consentì di aggiudicarsi un Golden Globe. Nel 1989 è stato il protagonista del film famosissimo “L’attimo fuggente”, destinato a rimanere immortale anche per le celebri frasi e per gli “insegnamenti di vita”, che vuole trasmettere. In questa pellicola Williams interpreta il ruolo del professor Keating, un uomo tenace, che sa insegnare al di là degli schemi conservatori. Negli anni recenti, tra i suoi successi ci sono: “Will Hunting – Genio ribelle”, “Al di là dei sogni”, “Flubber Un professore tra le nuvole” e la pellicola sentimentale e drammatica “L’uomo bicentenario”.

    636

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AttoriBiografieCinemaFilmRobin WilliamsSpettacoliTelevisione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI