Sanremo 2015, Carlo Conti assicura: ‘Sarà un Festival per tutti’

Sanremo 2015, Carlo Conti assicura: ‘Sarà un Festival per tutti’

    A circa sei mesi dalla kermesse del prossimo febbraio, Carlo Conti è tornato a parlare di Sanremo 2015 in un’intervista concessa al settimanale Sorrisi & Canzoni TV. Il neo-conduttore dello show sanremese, nonché neo-papà del piccolo Matteo, ha anticipato qualche idea in merito al tipo di Festival che intende realizzare.

    Vorrei fare un Festival per tutti, che ospiti dal pop al rock, al rap, a qualsiasi altro genere musicale‘, ha dichiarato un entusiasta Carlo Conti, che di Sanremo 2015 sarà anche il direttore artistico. ‘Una manifestazione che unisca il Paese e dove si ascolti la musica che in Italia va davvero per la maggiore in classifica. Non qualcosa che metta in scena un mondo che non esiste nel mercato reale‘.
    Una dichiarazione d’intenti piuttosto netta con una piccola stoccata nei confronti di Fabio Fazio, che nei suoi due ultimi Festival aveva invece preferito puntare su artisti e ospiti ‘di qualità’, o presunta tale, ma lontani dalle preferenze del grande pubblico.

    Conti ha poi preannunciato alcuni sostanziali cambiamenti al regolamento del Festival di Sanremo 2015, poiché a differenza delle ultime edizioni i Big in gara saranno 16 e non 14 e ognuno di essi porterà una sola canzone in gara, e non più due. Inoltre è molto probabile che verrà reintrodotta l’eliminazione anche per i Big, ‘per avere un po’ di sangue in più, o meglio, come preferisco definirlo io, di pepe‘.

    Insomma, ci sono tutti i presupposti affinché il Festival targato Carlo Conti torni a essere quell’evento nazionalpopolare o addirittura ‘liturgico’ visto nelle 13 conduzioni di Pippo Baudo, come del resto non ha fatto fatica a confermare lo stesso presentatore toscano, prima di aggiungere un’ulteriore frecciatina ai suoi predecessori: ‘Torna la liturgia, sicuramente.

    Ma siamo proprio sicuri che non fossero liturgici anche i loro (di Bonolis e Fazio, ndr) Festival? Non so, non so… Se andiamo a guardarli bene…‘. Come per dire: avete tentato di fare i rivoluzionari ma alla fine anche i vostri Sanremo erano nel solco della tradizione.

    Carlo Conti ha concluso l’intervista rivelando che in passato ha rifiutato per ben due volte la conduzione del Festival di Sanremo perché sul suo nome non c’era un accordo totale, e che al momento non ha ancora deciso se farsi affiancare dalle classicissime due vallette una bionda e l’altra mora, o se da una co-conduttrice. Confermata infine la volontà di avere Maria De Filippi come ospite.

    456

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI