Sindrome da burnout, sintomi, cura e rimedi

La sindrome di burnout è attualmente poco conosciuta, nonostante i primi casi risalgano agli anni '70. Vediamo dunque tutto sulla sindrome da burnout, cos'è, i sintomi, le cause e le eventuali cure.

da , il

    Sindrome da burnout, sintomi, cura e rimedi

    Mai sentito parlare di sindrome da burnout? Sintomi, cura e rimedi: il nostro obiettivo è quello di immergerci a 360 gradi in una patologia costantemente in crescita in diversi ambiti e in particolar modo nel mondo sanitario. Il burnout negli infermieri infatti, è un problema ampiamente diffuso nelle strutture sanitarie e costituisce sempre più un’emergenza lavorativa, oltreché clinica. La sindrome del burnout viene solitamente descritta come una perdita di interesse nei riguardi delle persone con le quali l’infermiere lavora; comporta esaurimento emotivo, inteso come esaurimento delle risorse e diminuzione dell’energia, depersonalizzazione (atteggiamenti e sentimenti negativi, insensibilità e mancanza di compassione) e mancanza di realizzazione personale (valutazione negativa del proprio lavoro relativo a sentimenti di competenza ridotta). E’ un processo che si attiva all’insaputa del soggetto che ne è colpito e si manifesta principalmente nelle professioni d’aiuto. Il risultato è un peggioramento dell’aspetto comportamentale e una conseguente riduzione della qualità nello svolgimento del proprio lavoro. La sindrome di burnout è attualmente poco conosciuta, nonostante i primi casi risalgano agli anni ’70. Vediamo dunque tutto sulla sindrome da burnout, cos’è, i sintomi, le cause e le eventuali cure.

    Sindrome da burnout: cos’è

    Prima di addentrarci a fondo in questo mondo, scopriamo di ‘burnout’ il significato: si tratta di un termine inglese che letteralmente significa ‘bruciato’ ‘scoppiato’ e anche ‘esaurito’. Mentre la definizione di burnout in psicologia è la seguente: ‘sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte quelle professioni con implicazioni relazionali molto accentuate’. Comporta un progressivo deterioramento fisico e psicologico che influenza valori, dignità, spirito e volontà delle persone colpite. Purtroppo, negli ultimi anni, la sindrome da burnout ha avuto una diffusione costante e progressiva principalmente tra i lavoratori dei Paesi occidentali a tecnologia avanzata.

    Sindrome di burnout: sintomi

    Della sindrome di burnout, i sintomi principali quali sono? Per sindrome del burnout si intende una tipologia specifica di patologia psicofisica connessa al lavoro, che colpisce principalmente gli operatori socio-sanitari, che quotidianamente si ritrovano a dover gestire un notevole carico di stress prodotto dal rapporto diretto e costante con persone disagiate per le più diverse ragioni cliniche. Le prime osservazioni di tale sindrome risalgono al 1970 e si sono svolte all’interno di un reparto di igiene mentale degli Stati Uniti. La sintomatologia del burnout infermieristico è estremamente eterogenea, vediamo di seguito le manifestazioni fisiche e psicologiche principali:

    Sintomi fisici

    - Stanchezza

    - Necessità di dormire

    - Irritabilità

    - Dolore alla schiena

    - cefalea

    - Stanchezza agli arti inferiori

    - Dolori viscerali

    - Diarrea

    - Inappetenza

    - Nausea

    - Vertigini

    - Dolori al petto

    - Alterazioni circadiane

    - Crisi di affanno

    - Crisi di pianto

    Sintomi psichici

    - Stato di costante tensione

    - Irritabilità

    - Cinismo

    - Depersonalizzazione

    - Senso di frustrazione

    - Senso di fallimento

    - Ridotta produttività

    - Ridotto interesse verso il proprio lavoro

    - Reazioni negative verso familiari e colleghi

    - Apatia

    - Demoralizzazione

    - Disimpegno sul lavoro

    - Distacco emotivo

    sindrome di burnout test

    Sindrome da burnout: cause

    Quali sono le principali cause della sindrome da burnout? Hanno origine nella sede di lavoro e sono fondamentalmente le seguenti:

    Sovraccarico di lavoro

    La prima causa della sindrome da burnout è il sovraccarico di lavoro, che genera disadattamento: quando le richieste lavorative sono troppo elevate, impediscono all’operatore socio-sanitario di effettuare un necessario recupero di energie. Esiste poi l’eventualità che il carico di lavoro non sia eccessivo, ma risulti comunque inadatto al soggetto, poiché non possiede le abilità necessarie per svolgere una certa attività. Infine esiste la possibilità che il lavoratore non sia in grado di reggere il carico emotivo prodotto dal lavoro e il risultato è che non riesce ad avere il controllo del proprio ruolo.

    Senso di impotenza

    Il senso di impotenza genera nell’infermiere confusione e smarrimento, frutto della coscienza di non avere le capacità per influire sull’andamento di una data situazione. L’operatore ritiene di non avere sufficiente controllo sulle risorse necessarie per svolgere il proprio lavoro.

    Mancanza di senso di comunità

    Un’altra causa della sindrome da burnout è la mancanza di senso di comunità: si verifica quando decade il senso di appartenenza alla comunità del proprio ambiente lavorativo. L’infermiere soffre per la mancanza di sostegno, fiducia reciproca e rispetto. Tale condizione porta il soggetto a distaccarsi dal resto della comunità e a instaurare relazioni sterili con i colleghi e il datore di lavoro.

    Conflitto di valori contrastanti

    Infine il conflitto di valori contrastanti genera nell’infermiere un senso di disadattamento: inizia a sentirsi estraneo ai valori dell’azienda ospedaliera. Ciò genera distacco nei riguardi dei colleghi e del datore di lavoro, e conseguente mancanza di complicità, necessaria per un fluido svolgimento delle attività lavorative.

    Sindrome da burnout: cura

    Sindrome burnout: cosa fare dunque? Fondamentalmente per la sindrome di burnout i rimedi sono da ricondurre a una corretta profilassi da attuare sul posto di lavoro, sia esso una clinica, un ospedale o qualsiasi altra struttura sanitaria. La soluzione va ricercata dunque in approcci preventivi inerenti:

    - Alle modificazioni dell’ambiente di lavoro;

    - Alle modificazioni comportamentali dell’operatore socio-sanitario.

    Per evitare l’insorgere della sindrome da burnout è fondamentale potenziare al massimo la comunicazione nell’ambiente di lavoro, offrire un adeguato riconoscimento per le prestazioni svolte tanto in termini di apprezzamento che in termini remunerativi. Inoltre è utile sottoporre gli operatori sanitari all’apprendimento di tecniche di rilassamento, che consentano una migliore gestione dei picchi di stress. Sono questi gli elementi fondamentali per debellare il problema alla radice.

    Sindrome da burnout: test

    Esistono, per la sindrome da burnout, test di autovalutazione online, che senza alcuna pretesa diagnostica, medica, né psicologica, si propongono di fornirvi un’indicazione sulla possibilità che ne siate affetti o meno. E’ tuttavia necessario rivolgersi a una specialista, qualora riteniate di soffrire di sindrome da burnout.