Bonduelle ritira spinaci Millefoglie con mandragora, un allucinogeno: i lotti interessati

Segnaliamo un ritiro prodotto dai supermercati: si tratta degli spinaci Millefoglie Bonduelle, al cui interno sono state trovate anche foglie di mandragora, un vegetale tossico che dà effetti allucinogeni. Una famiglia è finita in ospedale a Milano per intossicazione. Dai rilievi sono emerse tracce della pianta velenosa.

da , il

    Bonduelle ritira spinaci Millefoglie con mandragora, un allucinogeno: i lotti interessati

    AGGIORNAMENTO 10 OTTOBRE 2017: L’ATS (Azienda per la tutela della salute) comunica di non aver riscontrato alcuna traccia di contaminazione da mandragora nei lotti di spinaci Millefoglie Bonduelle ritirati in via precauzionale. Di seguito la notizia riportata in data 4 ottobre 2017 sul ritiro di alcuni lotti di spinaci Bonduelle per contaminazione da mandragora che, si ripete, non ha poi trovato conferma dalle analisi dell’ATS.

    E’ stato ritirato dal mercato un lotto di spinaci millefoglie Bonduelle surgelati da 750 grammi. Il Ministero della Salute ha segnalato la necessità del ritiro del prodotto e l’azienda ha quindi provveduto a richiamare dagli scaffali le confezioni incriminate dalla sospetta contaminazione di foglie di mandragora, un’erba che si trova nei nostri campi in autunno, simile alla borragine, ma che è tossica per l’uomo perché contiene alcaloidi psicoattivi. Vediamo di seguito quale lotto è stato interessato dal ritiro.

    Il ritiro riguarda il lotto di produzione degli Spinaci millefoglie Bonduelle surgelati 15986504-7222 45M63 08:29, confezione da 750 grammi prodotti da Gelagri Iberica nello stabilimento spagnolo di Navarra, che hanno come data di scadenza agosto 2019.

    Il prodotto non deve essere consumato. I sintomi dell’intossicazione da mandragora sono confusione mentale, vertigini, nausea, diarrea e malessere generale. In mancanza di un rapido intervento, come spiegato sul sito del Centro Antiveleni di Milano, possono arrivare fino al coma e alla morte.

    Il rischio, come accennato, riguarda la presenza di mandragola, un’erba allucinogena, anticamente ritenuta magica. Si è scoperta la contaminazione dopo che lo scorso 30 settembre un’intera famiglia è stata ricoverata all’ospedale Fatebenefratelli di Milano dopo aver mangiato una confezione di spinaci surgelati acquistati al supermercato. Un uomo di 60 anni, una donna di 55 e i figli di 18 e 16 anni sono finiti al pronto soccorso con sintomi da intossicazione: confusione mentale e amnesia.