Super gonorrea: allarme Oms, pericoloso sesso orale senza preservativo

Ci sarebbe una nuova forma di batterio molto più resistente agli antibiotici utilizzati fino a questo momento. L'Oms starebbe pensando a un vaccino

da , il

    Super gonorrea: allarme Oms, pericoloso sesso orale senza preservativo

    Attenzione a fare l’amore senza il preservativo. L’Organizzazione mondiale della sanità ha infatti lanciare l’allarme: soprattutto i rapporti sessuali orali sono in grado di provocare una forma pericolosa di gonorrea. La notizia è sul sito della Bbc, che ha intervistato in merito la dottoressa Teodora Wi, epidemiologa dell’Oms. L’organizzazione, con sede a Ginevra, ha raccolto i dati del 2016 e si è spaventata: se è vero che ogni anno 78 milioni di persone contraggono malattie sessualmente trasmissibili, analizzando 77 Paesi nello specifico, è venuta fuori una forma di gonorrea molto resistente agli antibiotici che vengono usati da anni per curarla.

    Ci sarebbe dunque una forma di super gonorrea in giro. La dottoressa Wi ha raccontato alla Bbc di aver registrato tre casi di questo tipo in Francia, Spagna e Giappone, dove l’infezione non si è potuta curare: “La gonorrea è diventato nel tempo un batterio molto resistente. Ogni volta che viene introdotta una nuova classe di antibiotici per curarla, il batterio si irrobustisce sempre di più”.

    La gonorrea può infettare la cervice uterina, il retto e la gola. Su questa zona del corpo umano si concentra l’attenzione dei medici. Secondo Wi, gli antibiotici utilizzati per un normale mal di gola possono spingere i batteri della gonorrea a mescolarsi nella parte posteriore della gola, sviluppando quindi maggiore resistenza al farmaco: “Introdurre i batteri della gonorrea in gola, com’è accaduto in diversi casi studiati tra uomini statunitensi che hanno fatto sesso orale, può portare a una super gonorrea”.

    Da qui l’allarme dell’Oms, sulla disabitudine a fare sesso con il preservativo e sullo sviluppo del batterio Neisseria gonorrhoeae. L’Organizzazione mondiale della sanità starebbe pensando a uno studio per inventare un vaccino contro la gonorrea, da usare al posto di antibiotici come la ciproifloxacina e l’azitromicina e, in parte, le cefalosporine, che non sono più efficaci come fino a qualche tempo fa.

    La Bbc segnala però che già dagli anni Novanta la percentuale di uomini e donne americani e britannici che fa sesso senza il preservativo è pari a più del 68 per cento (siamo al 77 per cento negli anni Duemila). Mark Lawson, della British Association for Sexual Health and Hiv, alla Bbc ha detto: “Molte persone che hanno la gonorrea in gola non capiscono di averla ed è molto probabile che contagino altri partner facendo proprio sesso orale”.