Trattenere gli starnuti fa male: ecco i rischi e le conseguenze

Lo starnuto ha la funzione di espellere germi o sostanze irritanti, trattenerlo può portare allo sviluppo di infezioni e anche alla formazione di lesioni interne provocate dalla forza dell'aria.

da , il

    Trattenere gli starnuti fa male: ecco i rischi e le conseguenze

    Trattenere gli starnuti fa male? La risposta è sì e anche se vi trovate nel bello mezzo di una riunione importante e all’improvviso il naso inizia a pizzicare, evitate di tapparvi il naso per bloccare una reazione del tutto fisiologica dell’organismo molto importante: starnutire infatti, serve a espellere germi o sostanze irritanti, trattenerlo può portare allo sviluppo di infezioni e anche alla formazione di lesioni interne provocate dalla forza dell’aria. Vediamo nel dettaglio tutte le ragioni per cui trattenere gli starnuti fa male.

    Lo starnuto: cos’è

    Prima di illustrarvi i rischi e le conseguenze del trattenere gli starnuti, è doveroso scoprire cos’è realmente lo starnuto. Si tratta di un fisiologico meccanismo di difesa che il nostro corpo attiva, quando le vie nasali sono irritate per diversi motivi, come ad esempio il raffreddore, le allergie, l’entrata involontaria di microscopiche particelle, etc. Grazie allo starnuto il nostro organismo si libera dei germi e delle sostanze estranee e irritanti, proprio per questo motivo trattenere gli starnuti può mettere a rischio il vostro stato di salute, perché i batteri e gli allergeni rimangono imbrigliati nelle vie nasali. Trattenere gli starnuti viene visto spesso come una forma di educazione, in realtà è sufficiente coprirsi il naso con un fazzoletto o con la mano, per evitare di cospargere le persone vicine con i propri germi.

    Trattenere gli starnuti fa male: le bufale del web

    Trattenere gli starnuti fa male è vero, ma tra i rischi non si annovera assolutamente la rottura di una vena nel cervello o l’ictus, né tanto meno è contemplato il rischio di morte. Si tratta di dicerie che da tempo circolano in rete, ma che nulla hanno a che vedere con la realtà. Tuttavia, quando si trattengono gli starnuti può capitare che si rompa qualche piccolo capillare nel naso, ma ciò solitamente dipende da patologie che riguardano la parete vascolare.

    Trattenere lo starnuto: i rischi e le conseguenze reali

    Quali sono dunque i reali rischi che si corrono nel trattenere gli starnuti? Quando trattenete uno starnuto tappando il naso e tenendo la bocca chiusa, l’aria dovrà trovare comunque una via alternativa per uscire dal corpo. La pressione di uno starnuto in realtà è fortissima, l’aria viaggia ad una velocità variabile tra gli 80 e i 300 km orari: se quindi rimane ingabbiata nei condotti di comunicazione tra il naso con le orecchie, esiste il potenziale rischio di perforazione di un timpano.

    Se invece evitate di tenere tappato il naso sempre reprimendo lo starnuto il rischio diminuisce, ma la pressione dell’aria potrebbe andare a spingere sui muscoli dell’addome causando, a lungo andare, anche un’ernia inguinale.

    Naturalmente si tratta di ipotesi potenzialmente verificabili soltanto nel caso in cui tratteniate sempre e con una certa frequenza gli starnuti. E’ quasi impossibile che si verifichino tali conseguenze all’organismo, trattenendo soltanto uno starnuto.

    Curiosità sugli starnuti

    Ora che avete ben chiari i motivi per cui trattenere gli starnuti fa male, vogliamo spiegarvi una curiosità sullo starnuto. Vi siete mai accorti che quando starnutite è impossibile tenere gli occhi aperti? Si tratta di un riflesso incondizionato, che serve a proteggere i bulbi oculari: proprio perché la pressione dello starnuto è fortissima, lo scopo è evitare che i bulbi oculari vengano danneggiati.