Quali sono le principali cause di morte in Italia?

Quali sono le principali cause di morte in Italia?

Sembra paradossale, ma fra i giovani si muore di più per incidenti stradali che per tumori

da in Malattie, Salute, Sanità
Ultimo aggiornamento:
    Quali sono le principali cause di morte in Italia?

    Quali sono le principali cause di morte in Italia? Sull’argomento ci viene in aiuto l’Istat, che ha elaborato dei dati molto interessanti, riferibili al 2012, il periodo più recente per il quale sono disponibili le statistiche. Proprio nei giorni in cui il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha spiegato che nel nostro Paese si muore più per un raffreddore che di tumore, è utile prendere in considerazione ciò che emerge dai dati a nostra disposizione. Essi rivelano, quasi paradossalmente, che, specialmente tra i più giovani, le principali cause di morte sono gli incidenti stradali, molto più dei tumori e delle malattie che coinvolgono l’apparato cardiovascolare.

    Dai dati Istat emerge che nel nostro Paese si muore soprattutto per malattie cardiache, come, ad esempio, l’infarto. Soltanto nel 2012 proprio per patologie ischemiche del cuore sono morte almeno 75.000 persone (12,2%). A seguire le malattie cerebrovascolari, con più di 61.000 morti (10%). Altre cause di morte nel nostro Paese sono i tumori: molto più quelli maligni della trachea, dei bronchi e dei polmoni (5,5%) rispetto a quelli del colon retto (3,1%), del seno (2%), del pancreas (1,7%), del fegato (1,6%), del rene (1,6%) e dello stomaco (1,6%).

    Rientrano fra le altre cause da considerare le malattie ipertensive (5,1%), la demenza e il morbo di Alzheimer (4,3%) e le patologie croniche che interessano le basse vie respiratorie (3,6%). Anche il diabete mellito (3,5%) detiene un posto non trascurabile fra le più frequenti cause di mortalità in Italia. Non dobbiamo trascurare, infine, che anche la polmonite o una “semplice” influenza (1,6%) possono costituire condizioni a rischio, che possono determinare la morte. Nel 2012 sono morte 9.734 persone per influenza e per polmonite.

    Il maggior numero di persone morte è compreso nella fascia che va dai 65 agli 84 anni, soprattutto per malattie del sistema circolatorio, ancor di più rispetto ai decessi legati alle neoplasie.

    Dalle statistiche viene messo in risalto un altro dato molto importante. Se consideriamo i giovani di età compresa fra i 15 e i 24 anni, risulta che la principale causa di morte è rappresentata da incidenti stradali. In particolare la percentuale ammonta al 34% per i ragazzi e al 25% per le ragazze, con un totale di 1.785 morti complessivamente. Il 14% dei giovani e il 10% delle giovani muore per suicidio. Nel caso dei ragazzi rimane piuttosto alto il numero di decessi per omicidio. Relativamente al 2012 si tratta di 37 casi, che corrispondono al 3%.

    472

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieSaluteSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI