NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Le 6 regole della ‘dieta scientifica’

Le 6 regole della ‘dieta scientifica’
da in Dieta, Salute

    Vediamo quali sono le regole della dieta scientifica. Viene chiamato così un tipo di regime alimentare a cui è stato sottoposto un centinaio di persone secondo una ricerca italiana portata avanti dal professore Enrico Stefano Corazziari dell’Università Sapienza di Roma. Gli esperti hanno spiegato che hanno deciso di coinvolgere soprattutto pazienti che soffrivano di intestino irritabile. Questa dieta è ideale per tutti coloro che hanno problemi di pancia gonfia. Infatti il suo obiettivo è quello di eliminare i gonfiori addominali, soprattutto in estate. Si tratta di mettere nel piatto prodotti senza glutine, alcuni frutti come la banana e il pompelmo, e di evitare o limitare alcuni cibi che hanno un alto potere fermentante, come il frumento, le mele, le pere e i formaggi morbidi.

    Tra i cereali si possono scegliere soltanto il farro e i prodotti senza glutine. Questi ultimi sono ideali anche per chi soffre di celiachia. Vanno evitati, invece, il frumento e la segale e tutti quei prodotti che sono fatti con questi cereali, compresi il pane e la pasta.

    Cerca di scegliere soprattutto i formaggi duri e quelli stagionati. Sarebbero da evitare o da ridurre i formaggi morbidi e freschi, come, ad esempio, la ricotta.

    Mangiare la frutta è davvero essenziale per il nostro organismo. Secondo i dettami della dieta scientifica, dovremmo preferire alcuni tipi di frutta in particolare: banane, mirtilli, pompelmi, kiwi, mandarini, limoni, arance, uva, lamponi, fragole. Da evitare, invece, perché hanno un potere fermentante, mele, pere, albicocche, ciliegie, cachi, susine, prugne, pesche, mango, anguria.

    Anche tra le verdure deve essere effettuata una scelta. In particolare diamo libero spazio al sedano, ai peperoni, ai fagiolini, alle melanzane, alla lattuga e alla zucca. Riduciamo, invece, il consumo di carciofi, asparagi, barbabietole, broccoli, cavolo, cavolfiore, piselli, aglio e scalogno. Da consumare con moderazione anche i legumi, come ceci, lenticchie, fagioli e fave. Anche essi possono causare la pancia gonfia.

    Molto importante è anche non far mancare sulla nostra tavola il pomodoro, che è ricco di licopene, una sostanza che interviene in importanti processi biologici nell’organismo.

    I dolcificanti da preferire sono il saccarosio, il glucosio e lo sciroppo d’acero, mentre andrebbero evitati il fruttosio, lo sciroppo di mais, il sorbitolo, il mannitolo e lo xilitolo.

    699

    PIÙ POPOLARI